ERRORE 70
Permission denied D:\home\h555297.winp026.arubabusiness.it\romalocale.it\public\System\Contatori\ContatoreVisite.txt

Comandi

Immagine logo sito
Issue111 del 17/09/2007 Year: 2007 ID: 86 Giovedi 15 Novembre 2018, ore 12:28

, Home Page (Sommario) , Manda un email all'autore , Elenco Articoli per Cerca tra gli articoli , Tema:Comune di Roma , SkSoggetto:Comune di Roma , Tipo Articolo:Articoli Vari ,
,
a cura di Paola Ferraro
Per saperne di piu' su di me...

, ,



Articoli: 94 Premi per andare all'elenco degli articoli
,




sfilate Roma  
(Premi per la FOTO Ingrandita)

Terminate le sfilate di Alta Roma Moda

Quattro giorni all'insegna delle grandi sfilate e all'Eur sfila la solidarietà

Id Article:10000 date 17 Luglio 2006

Roma, È giunta al termine la settimana dell'alta moda romana, che quest'anno ha visto la partecipazione di molti nomi illustri della moda italiana da Gai Mattiolo a Renato Balestra. Grande rilievo è stato dato anche alle accademie di moda e nuove proposte. L'evento si è svolto tra il 10 e il 14 luglio, per un totale di quasi 35 sfilate in solo quattro giorni, con delle ‘scenografie' che solo la città eterna sa offrire, il Tempio di Adriano, l'Auditorium, Piazza del Campidoglio e le strade simbolo della moda.

Anche quest'anno non sono mancate le polemiche che come sempre accompagnano le sfilate romane, accusate di essere povere di grandi nomi, i quali snobbano questo appuntamento. A difesa di questo è intervenuto anche lo stilista Renato Balestra, che ha riscosso, come sempre, un grande successo per la sua sfilata a Palazzo Valentini: "Perché si dice che a Roma noi couturier siamo rimasti in pochi? ma perché a Milano non sono forse sei o sette i marchi più importanti del calendario di pret-a-porter? Gli altri chi li conosce?".
Questo aspetto è stato rimarcato anche dalla Camera di commercio che considera, questa sfilate il punto di riferimento internazionale per gli stilisti emergenti, un tema particolarmente importante per il futuro dell'industria della moda italiana. Il calendario della manifestazione si è articolato in quattro sezioni: Le sfilate delle Maison di Alta Moda, Next Couture con giovani stilisti affermati che presentano collezioni realizzate da piccole e medie aziende,le nuove proposte e le accademie e scuole di moda nazionali ed internazionali.

Quest'anno il tema è stato “Il Filo”, inteso nella sua valenza simbolica e materiale, dalle produzioni delle materie prime più pregiate, alla ricerca tessile creativa e sperimentale più avanzata e tecnologica.
Il Filo è stato scelto perché rappresenta l'anima della genesi dell'haute couture. Ma il “Senso del Filo” passa anche dal piacere tattile del filato e del tessuto, all'elaborazione di forme e volumi, dalla sperimentazione alla costruzione più classica e sartoriale.

Giovedì 13 è stato l'Eur ad offrire uno dei suoi più scenari più belli, la scalinata di SS. Pietro e Paolo, alle sfilate dell'alta moda romana. Una notte di sfilate, ma non solo, anche musica, spettacolo e raccolta fondi per l'ospedale pediatrico Bambino Gesù con l'iniziativa ''Un euro per un bambino''. E' stato l'unico evento di moda, all'interno del carnet estivo capitolino, aperto al pubblico, e ad ingresso libero ma visto il nobile scopo, le offerte sono state quanto mai gradite, visto che l'obiettivo è stato quello di raccogliere fondi.
In passerella, hanno sfilato le collezioni Stretch Couture, i piccoli modelli di Pre'natal e Moda Lucaroni che presenta, in anteprima romana, la collezione autunno inverno 2006/07 di Gai Mattiolo. La serata è stata presentata da Sammy Barbot e Laura Tresa.



Paola Ferraro