ERRORE 70
Permission denied D:\home\h555297.winp026.arubabusiness.it\romalocale.it\public\System\Contatori\ContatoreVisite.txt

Comandi

Immagine logo sito
Issue111 del 17/09/2007 Year: 2007 ID: 86 Giovedi 15 Novembre 2018, ore 20:53

, Home Page (Sommario) , Manda un email all'autore , Elenco Articoli per Cerca tra gli articoli , Tema:Cultura , SkSoggetto:Eventi culturali , Tipo Articolo:Articoli Vari ,

a cura di Sara Schivazappa

Il regista Giuseppe Piccioni    
(Premi per la FOTO Ingrandita)

"Strastevere"

Cinema on the road in Via dei Fienaroli

Id Article:10017 date 24 Luglio 2006

Roma, Dal 14 al 23 luglio, le strade del mondo del cinema e della letteratura portano a Trastevere. Più precisamente a Via dei Fienaroli, una stradina che parte da Via dell'arco di San Callisto e arriva a Via delle Fratte di Trastevere, che ospita una articolata kermesse di cinema e letteratura: “Strastevere”.

La manifestazione, che è già alla sua seconda edizione, è stata ideata dal Regista Giuseppe Piccioni, organizzata dalla Libreria del Cinema e il Centro Culturale Libreria Bibli e voluta dall'Assessorato alle Politiche Culturali del Comune di Roma.

Ogni serata è stata dedicata alla presentazione di un film e alle rispettive "dichiarazioni d'amore" per il film in questione da parte degli attori, dei registi, degli sceneggiatori e dei compositori che hanno mostrato al pubblico le loro sequenze preferite, commentando difficoltà incontrate, idee, lezioni acquisite e progetti per il futuro.

“Strastevere” è un grande salotto culturale aperto a tutti, un happening poco accademico, informale e accogliente ma soprattutto un ritrovo per appassionati e curiosi.
Si articola in dieci giorni di discussioni su temi cari a chi lavora con il cinema, con la scrittura, con la poesia e con la pittura, e anche a chi di queste tematiche si interessa solamente. Dieci giorni che riprendono, tra l'altro, le vecchie tradizioni del quartiere quando, in tempi non turistici, le porte delle case erano aperte e la gente viveva anche nelle strade.

Numerosi sono gli incontri in programma con le interviste particolari,con il cinema degli autori, e con le nuove generazioni di attori: Marco Tullio Giordana, Marco Bellocchio, Paolo Virzì, Francesca Archibugi, Silvio Orlando, Margherita Buy, Gene Gnocchi, Ludovico Einaudi, Violante Placido, Elio Germano, Valeria Solarino, Riccardo Scamarcio, Kim Rossi Stuart e tanti altri. Proprio a Kim Rossi Stuart, giovedì 20, è stato assegnato il premio Libreria del Cinema per la sua prima, applauditissima, regia “Anche libero va bene”.

Gli incontri sul Cinema sono stati affiancati da serate speciali dedicate al tema “DVD mon amour”: qui si ritroveranno i film perduti e quelli restaurati (Lang, Camerini, Murnau), i kolossal di oggi (Titanic) e quelli di ieri (Ben Hur, Via col vento), i lavori di Godard, Malle, Truffaut, Rohmer e Chabrol, come anche i migliori dvd italiani e esteri della stagione.
In questa sezione si è cercato di mettere l'attenzione su livello qualitativo e sulla sensibilità cinematografica di un'industria che è sì in grande espansione ma che è anche troppo spesso orientata al mercato e poco attenta alle esigenze di un pubblico che richiede invece maggiore professionalità e competenza.

Il grande evento trasteverino si conclude questa sera, con un finale a sorpresa. Guardando a “Strastevere”, la speranza è che il quartiere torni a essere non solo il luogo di passaggio serale, e spesso di un ‘divertimento' caotico fine a se stesso, ma anche l'anima, sociale, artistica e culturale di una grande città.




Sara Schivazappa