ERRORE 70
Permission denied D:\home\h555297.winp026.arubabusiness.it\romalocale.it\public\System\Contatori\ContatoreVisite.txt

Comandi

Immagine logo sito
Issue111 del 17/09/2007 Year: 2007 ID: 86 Martedi 20 Novembre 2018, ore 13:37

, Home Page (Sommario) , Manda un email all'autore , Elenco Articoli per Cerca tra gli articoli , Tema:Varie , SkSoggetto:Varie , Tipo Articolo:Articoli Vari ,
,
a cura di Silvia Capezzali

, ,



Articoli: 19 Premi per andare all'elenco degli articoli
,




La fermata Lepanto, della linea A.  
(Premi per la FOTO Ingrandita)

Navetta?Fermate scomode e poca segnaletica

Le linee bus sostitutive della linea A risultano mal concepite e gestite. Reclami per il disservizio.

Id Article:10025 date 28 Luglio 2006

Roma,
Numerosi disagi per i passeggeri dei bus sostitutivi della metro A:dopo le 21,infatti, per lavori di ammodernamento, la linea A viene “coperta” da due navette “veloci”, rispettivamente la MA1 da Battistini a Arco di Travertino e la MA2 da Anagnina a Flaminio).

Nonostante il percorso alternativo sia in vigore da aprile, le scarse segnaletiche con pannelli o volantini hanno creato numerosi disservizi ai cittadini, alle cui domande neppure i dipendenti Trambus stessi sapevano rispondere con precisione.

”Colpa dei vandali e dei collezionisti di cartelli”- si difende la società, ma sembra più presumibile una banale mal informazione,come testimonia anche il sito internet www.atac.roma.it in cui lavori vengono labilmente menzionati e il numero verde 800434174 risulta perennemente occupato.

I romani,inoltre, lamentano un fatto ancora più grave:oltre all'invivibilità delle vetture poco controllate e mal frequentate ( il solo punto positivo pare costituito dal fatto che non ci siano controlli del titolo di viaggio in quegli orari), le fermate sono piazzate ben lontano dalle corrispettive della metro.Facile, allora, credere di scendere a Piazza di Spagna e trovarsi a via Veneto o, tanto per citare un altro “qui pro quo”,sbarcare a via delle Milizie, invece che a Viale Giulio Cesare.
Poche centinaia di metri forse, ma per chi non ne è al corrente può costare la perdita di treni e collegamenti importanti.


Silvia Capezzali