ERRORE 70
Permission denied D:\home\h555297.winp026.arubabusiness.it\romalocale.it\public\System\Contatori\ContatoreVisite.txt

Comandi

Immagine logo sito
Issue111 del 17/09/2007 Year: 2007 ID: 86 Martedi 20 Novembre 2018, ore 13:35

, Home Page (Sommario) , Manda un email all'autore , Elenco Articoli per Cerca tra gli articoli , Tema:Varie , SkSoggetto:Varie , Tipo Articolo:Articoli Vari ,
,
a cura di Silvia Capezzali

, ,



Articoli: 19 Premi per andare all'elenco degli articoli
,




E' polemica sulla nuove tariffe ztl

La delibera firmata pochi giorni fa dal Comune rivoluziona il traffico nel centro con una riduzione dei permessi e pesanti rincari. Bufera soprattutto sul "pass giornaliero"; solo per i disabili nulla è stato modificato.

Id Article:10036 date 4 Agosto 2006

Roma,
"Con le nuove tariffe della Ztl che entreranno in vigore nel 2007 vogliamo dare una stretta di pulizia perché nel centro storico girano troppe auto che non ne hanno il diritto".Giustifica così il sindaco Veltroni le nuove modifiche approvate dal Comune riguardo lo spinosissimo problema dei varchi del centro storico.
Anche l'assessore alla Mobilità del Comune di Roma, Mauro Calamante spiega con ottimismo le motivazioni dei cambiamenti :"In cima ai nostri pensieri c'è la questione ambientale e quella archeologica - spiega - La Fascia Blu è sempre più aggredita dallo smog che ha tra le sue cause principali il traffico privato. Bisogna assolutamente tutelare la salute di tutti coloro che vivono e lavorano nel centro storico e l'inestimabile valore monumentale di questa splendida città". Si prevede, perciò, una diminuzione del traffico o quantomeno gli incassi che aiuteranno a potenziare il trasporto pubblico ecologico.

Ma veniamo ai dati. Stando all'ultimo report dell'Atac (l'agenzia per la mobilità del Comune di Roma) i permessi validi per entrare nella ztl sono oltre 62.000 associati a quasi 200.000 targhe, tra cui oltre i residenti, disabili (circa 25.000 permessi per 70mila targhe), autobus, taxi e veicoli del Comune, polizia municipale, forze dell'ordine, Ama, Telecom, Acea ed altri ancora. Ma essendo il 77% dei permessi associato ad una sola targa, i veri aumenti riguardano solo le auto blu, soprattutto di ambasciate e consolati. La delibera specifica anche la fase di transizione fino al primo gennaio del 2007 quando entrerà in vigore: i permessi della Ztl già rilasciati termineranno, come previsto dopo un anno; quelli rilasciati da oggi al 2007 scadranno alla fine del 2006.

A far crescere le polemiche sono sostanzialmente l'aumento dei costi e l' introduzione del “ pass giornaliero”: i residenti passeranno da 19,78 euro per due auto senza scadenza a 55 per un'auto quinquennale (gran parte delle altre categorie invece di 324 euro dovranno sborsare 550 solo per un'auto) ed il permesso giornaliero da 20 euro (disponibile via internet) potrà essere richiesto solo dagli appartenenti alle categorie autorizzate.

Oltre alle proteste dei commercianti ,e di coloro che transitano dentro i varchi per motivi prettamente lavorativi, la polemica si sposta quindi anche sul pericolo del “permesso selvaggio”, come sottolinea Gianni Battistoni, presidente dell'associazione dei commercianti e residenti di via Condotti: "Temiamo un assalto alla conquista dei permessi. Sarebbe il caso di stabilire dei tetti precisi: massimo 30-50 pass al giorno". Perplessità anche per Marco Marsilio, capogruppo di An al consiglio comunale: "Vanno bene le disposizioni che mirano a contrastare l'inquinamento ambientale e a frenare l'invasione delle auto blu ma è sbagliato tassare oltremisura i residenti del Centro[..].Siamo contrari perché, come al solito, farà in modo che il centro sarà abitato soltanto da chi ha grandi disponibilità finanziarie".
A chiudere il cerchio sono Viviana Di Capua, presidente dell'associazione abitanti centro storico- che dichiara "Siamo felici che si prosegua la lotta al traffico e allo smog a favore delle pedonalizzazioni e per questo siamo dispostissimi a pagare di più .[…]. L'unica grande perplessità riguarda il pass giornaliero: temo che i controlli non saranno efficaci e alla fine diventi una sorta di ticket per entrare in centro con la macchina- e Cesare Pambianchi, presidente della ConfCommercio Roma: "Se, come sembra, è una razionalizzazione va bene - commenta all'Ansa -. Ma se si tratta di un pedaggio, come avviene a Bologna o a Londra, il nostro no è totale.”
Rassicura pero' Calamante: "Il pass giornaliero potrà essere richiesto soltanto dalle persone che fanno parte delle categorie autorizzate ad entrare nella ztl e non da tutti. Non è come la congestion-charge di Londra. I controlli saranno costanti incrociando le banche dati. Perché tutto sarà informatizzato e quindi più facile. E gli abusi verranno sanzionati non solo con la multa ma anche con il ritiro del permesso".



Silvia Capezzali