ERRORE 70
Permission denied D:\home\h555297.winp026.arubabusiness.it\romalocale.it\public\System\Contatori\ContatoreVisite.txt

Comandi

Immagine logo sito
Issue111 del 17/09/2007 Year: 2007 ID: 86 Martedi 20 Novembre 2018, ore 13:37

, Home Page (Sommario) , Manda un email all'autore , Elenco Articoli per Cerca tra gli articoli , Tema:Universita' , SkSoggetto:Altre UniversitÓ , Tipo Articolo:Articoli Vari ,
,
a cura di Lorenzo D'albergo
Per saperne di piu' su di me...

, ,



Articoli: 100 Premi per andare all'elenco degli articoli
,




Skede: 1 Premi per andare all'elenco delle skede soggetti che ho compilato
Il logo del primo Web Art Museum  
(Premi per la FOTO Ingrandita)

Inaugurato il primo Art Mouseum della rete

Finalmente la web art ha un suo museo. Prossima apertura in Viale Labicano. Il Comune ha già rilasciato i documenti di rito

Id Article:10051 date 3 Settembre 2006

Roma,
Nasce a Roma, dalla partnership tra Shockart.net – progetto sperimentale del laboratorio di Flyer communication – e l'Università telematica LumessArch – Università telematica, fondata dai professori Iacovitti e Crocco - della Sapienza, il primo Art Mouseum della rete. Raccoglierà le migliori web-opere di Internet. La web art può così finalmente farsi forte dello status di arte vera e propria, status che da tempo voleva vedersi riconosciuto.

Presentato il 23 maggio scorso in piazza dell'Immacolata a Roma, nel centro del quartiere di San Lorenzo, il WAM, “Web Art Mouseum”, ha trovato, per ora, spazio solo sulla rete. In collaborazione con il III Municipio del Cimune di Roma si sta cercando una sede adatta ad ospitare questo avveniristico progetto. Già individuata una possibile sede in Viale Labicano, capace di accogliere sia lo spazio espositivo, che quello didattico, entrambi presenti nel progetto del museo della Web Art. Sono state rilasciate le licenze e i permessi necessari per iniziare i lavori.
L'edificio avrà una sala convegni,un centro espositivo, un centro di formazione, un teatro, uno studio di post-produzione video, un centro di produzione digitale. Un luogo quindi dove svolgere corsi di formazione per un pubblico già inserito nell'ambiente web, pubblico che potrà dare libero sfogo alla propria creatività. L'obiettivo sarà quello di promuovere la conoscenza dell'arte e dell'architetture in rete, quella che potrebbe essere la “Pop Art” del nuovo millennio.

Dovrebbero essere state quindi soddisfatte le richieste di Gianluca Del Gobbo, responsabile della Flyer communication, che chiedeva: “una sede fisica del progetto, in modo da poter avere un'esposizione permanente. E' un'offerta culturale che manca ad una città come Roma. Come smentirlo? Roma offre le migliori strutture museali d'Italia, ma fatica ad entrare nel “futuro”. Un “futuro” che potrebbe divenire improvvisamente “presente”, quando il WAM potrà avere una sua sede fisica.


Lorenzo D'albergo