ERRORE 70
Permission denied D:\home\h555297.winp026.arubabusiness.it\romalocale.it\public\System\Contatori\ContatoreVisite.txt

Comandi

Immagine logo sito
Issue111 del 17/09/2007 Year: 2007 ID: 86 Giovedi 15 Novembre 2018, ore 23:03

, Home Page (Sommario) , Manda un email all'autore , Elenco Articoli per Cerca tra gli articoli , Tema:Cultura , SkSoggetto:Eventi culturali , Tipo Articolo:Articoli Vari ,
,
a cura di Federico Formica

, ,



Articoli: 21 Premi per andare all'elenco degli articoli
,




Il ministro della Cultura Francesco Rutelli col presidente dell'assoeditori Francesco Motta  
(Premi per la FOTO Ingrandita)

In Italia il libro è in crisi, ma lo Stato interverrà

Gli Stati Generali dell’Editoria si concludono con un patto tra il ministro della cultura Rutelli e gli editori

Id Article:10111 date 25 Settembre 2006

Roma, Si è conclusa la due giorni del libro: nella Sala dello Stenditoio di San Michele a Ripa si sono tenuti gli “Stati Generali dell'Editoria”. Un'occasione per tutti gli addetti ai lavori per fare il punto della situazione sul mondo-libro in Italia e per confrontarsi con la politica, che all'editoria deve ancora dare molte risposte.

Nel corso dell'incontro sono stati resi i noti i dati- sconfortanti- sulla lettura in Italia. Solo 5 italiani su 100 leggono un libro al mese; il 57,7%, non ha letto nemmeno un libro durante tutto il 2005 mentre  il 20,1% ne ha letti al massimo tre. Analizzando altri dati, inoltre, è emerso che in quelle zone o regioni dove si legge di più anche la produttività è più alta, e viceversa. Nel nord, che produce più della metà del PIL italiano, si concentra anche più della metà dei lettori italiani.
Questi numeri, se confrontati con quelli di altri stati europei come la Spagna, l'Inghilterra la Germania e la Francia, oltre che sconfortanti risultano anche piuttosto umilianti.

Tuttavia il bilancio degli Stati Generali è positivo: l'obiettivo che più stava a cuore a Federico Motta, L'intervento del presidente di Confindustria Luca Cordero di Montezemolo agli Stati Generali dell'Editoria  
(Premi per la FOTO Ingrandita) presidente dell'Associazione Italiana Editori (AIE) è stato raggiunto. Il Ministro della Cultura, Francesco Rutelli, ha infatti promesso agli editori un incontro entro Ottobre allo scopo di preparare una legge unitaria sul libro, una richiesta che l'AIE ripete ormai da anni. Rutelli ha anche accolto la proposta per organizzare un Centro per il libro come in Francia e Spagna.

Il buon esito di questo incontro è testimoniato anche dalle dichiarazioni di Motta: “Siamo, noi editori, più fiduciosi di prima di un così ampio dialogo istituzionale. L'editoria italiana è viva, è forte, capace di farsi sentire, pronta ad affrontare le sfide che ci stanno davanti. Abbiamo una sola forza da spendere: il valore dei nostri argomenti. Siamo pronti a sederci al tavolo di coordinamento annunciato dal Ministro”.

Vista la gravità della situazione, un intervento dall'alto per meglio strutturare e centralizzare il mondo dell'editoria diventa una grande speranza.

Federico Formica