Comandi

Immagine logo sito
Issue115 del 21/10/2018 Year: 2019 ID: 2 Giovedi 27 Giugno 2019, ore 11:17

, Home Page (Sommario) , Manda un email all'autore , Elenco Articoli per Cerca tra gli articoli , Tema:Cultura , SkSoggetto:Mostre d'arte , Tipo Articolo:Arte a Roma ,
,
a cura di Cinzia Folcarelli

, ,



Articoli: 50 Premi per andare all'elenco degli articoli
,




Skede: 10 Premi per andare all'elenco delle skede soggetti che ho compilato
Henri Matisse Ritratto della baronessa Gourgaud, 1924  Olio su tela, 81 x 65 cm  Parigi, Musée des Arts Décoratifs  © Succession H. Matisse/SIAE 2006   
(Premi per la FOTO Ingrandita)

Matisse e Bonnard

Al Vittoriano in mostra oltre 230 opere dei due grandi artisti francesi che rivoluzionarono la pittura

Id Article:10201 date 17 Ottobre 2006

Roma, “Viva la pittura!”
Basterebbe questa frase scritta da Henry Matisse in una cartolina spedita da Amsterdam a Pierre Bonnard per farci capire l'entusiasmo dei due artisti nei confronti dell'arte. Siamo nel 1925 e, sebbene i due non siano più dei ragazzini, la loro gioia di vivere è contagiosa.

Il Complesso del Vittoriano ripercorre le parabole artistiche dei due celebri pittori francesi in una grande mostra che vede la presenza di oltre 230 opere provenienti da musei pubblici e collezioni private di tutto il mondo. In particolare sono stati ben ventisette i musei francesi che hanno prestato le loro opere, tra cui il Centre Pompidou e il Museo di Arti Decorative di Parigi.
Alcuni lavori provengono dal russo Ermitage, altri dal Metropolitan Museum di New York, altri ancora dalla National Gallery of Australia.
Tra i paesi prestatori Brasile, Canada, Finlandia, Inghilterra, Irlanda, Norvegia, Ungheria, Città del Vaticano.

Per l'occasione il Complesso del Vittoriano sfoggia un nuovo allestimento espositivo che vede la presenza di un secondo piano nelle sale destinate alle grandi mostre temporanee che permette anche almeno di intravedere la bellissima architettura originaria di inizio Novecento.

Matisse e Bonnard durante la loro vita furono legati da una profonda amicizia, durata oltre quaranta anni. Ognuno dei due, nonostante i differenti esiti della loro arte, ebbe sempre stima, rispetto ed ammirazione per l'altro, tanto da scambiarsi i loro lavori alla ricerca del consenso e dell'approvazione reciproca. Già nel 1911 Matisse acquistò La serata al Salon di Bonnard, quadro che conserverà per tutta la vita. Bonnard fece lo stesso con la Finestra aperta di Matisse.

Entrambi vogliono creare un'arte che superi il dibattito delle Avanguardie e riesca a trasporre sulla tela non più solo l'imitazione del reale, Pierre Bonnard Donna allo specchio, 1908 ca. Olio su tela, 124,2 x 47,4 cm Canberra, National Gallery of Australia © Pierre Bonnard Estate/SIAE 2006   
(Premi per la FOTO Ingrandita) ma anche le suggestioni da esso derivate.

Bonnard viene spesso considerato dalla critica come l'ultimo pittore impressionista. Influenzato dall'arte di Toulouse - Lautrec, egli ebbe un ruolo importante nel movimento dei Nabis.
Negli ultimi anni della sua vita, a contatto con il clima dl sud della Francia, la sua tavolozza divenne più vivace e le sue opere acquistarono una esuberante cromaticità.

Matisse studiò nell'atelier di Gustave Moreau e si fece affascinare dalla lezione di Van Gogh.
A capo del gruppo dei Fauves realizzò opere caratterizzate dalla vivacità dei colori e dalla semplificazione delle forme. Successivamente si volse verso Cézanne e verso una ulteriore sintesi formale che lo porterà agli esiti che caratterizzano la sua produzione ultima.

Per entrambi gli artisti la prima mostra personale venne allestita alla Galleria Amboise Vollard, e successivamente entrambi esposero alla Galleria Bernheim - Jeune.

Oggi i due artisti si ritrovano ancora una volta fianco a fianco nell'esposizione del Vittoriano, curata da un comitato scientifico ricco di nomi celebri che hanno portato a Roma la bellezza e la gioia di vivere delle loro opere.


Matisse e Bonnard
Viva la pittura!

Durata della mostra: 6 Ottobre 2006 - 4 Febbraio 2007
Sede: Roma, Complesso del Vittoriano, Via San Pietro in Carcere
Orario: lunedì - giovedì, ore 9.30 - 19.30; venerdì e sabato 9.30 - 23.30; domenica 9.30 - 20.30
Biglietto: € 10; ridotto € 7.50
Catalogo: Skira
per informazioni: tel. 06 6780664



Cinzia Folcarelli