ERRORE 70
Permission denied D:\home\h555297.winp026.arubabusiness.it\romalocale.it\public\System\Contatori\ContatoreVisite.txt

Comandi

Immagine logo sito
Issue111 del 17/09/2007 Year: 2007 ID: 86 Giovedi 15 Novembre 2018, ore 20:55

, Home Page (Sommario) , Manda un email all'autore , Elenco Articoli per Cerca tra gli articoli , Tema:Municipio XI , SkSoggetto:Poggio Ameno - Tintoretto , Tipo Articolo:Articoli Vari ,
,
a cura di Paola Ferraro
Per saperne di piu' su di me...

Email: Premi per inviare un messaggio di posta elettronica , ,



Articoli: 94 Premi per andare all'elenco degli articoli
,




vista della tenuta http://www.wwfroma11.it  
(Premi per la FOTO Ingrandita)

La tenuta di Tor Marancia tra passato e presente

Un sentiero ci porta alla scoperta di un luogo suggestivo ancora sconosciuto ai cittadini

Id Article:10203 date 18 Ottobre 2006

Roma, La tenuta di Tor Marancia oggi occupa un'ara di circa 220 ettari, tra la Via Ardeatina, Via di Grotta Perfetta e Via Sartorio. Per il quartiere rappresenta una risorsa ‘storica' trattandosi di un pezzo residuo di quella che un tempo era la campagna romana.

Le prime tracce di insediamenti umani risalgono al periodo preistorico e sono state individuate nei pressi di Via di Grotta Perfetta. Numerose testimonianze risalenti all'età romana mostrano come questo territorio fosse destinato allo sfruttamento agricolo a partire dall'età Augustea, mediante il sistema delle ville rustiche.
Esisteva una fitta rete stradale costruita attorno agli assi portanti dell'Ardeatina e della Laurentina, e la stessa Via di Grotta Perfetta era un collegamento tra le numerose ville presenti sul territorio. Di questi antichi percorsi rimangono come testimonianza brevi tratti basolati e alcune tagliate stradali, la più grande e spettacolare delle quali interseca Via di Grotta Perfetta non lontano dal forte ardeatino ed è probabilmente di pertinenza del percorso originario della via Laurentina. Sono anche presenti numerose necropoli del II secolo d.C. in particolare è da citare una tomba a camera dell'età repubblicana, nonché testimonianze dell'età cristiana.

Il nome Tor Marancia comparve dopo l'età romana, residuo dal toponimo del Praedium Amaranthianus, cioè del fondo di Amaranthus, scorcio del sentiero http://www.wwfroma11.it  
(Premi per la FOTO Ingrandita) probabilmente un liberto della famiglia dei Numisii Proculi. La torre che aveva questo nome è scomparsa e si trovava a brevi distanze dall'Ardeatina. La torre che oggi viene chiamata Tor Marancia e in realtà la Torre delle Vigne. Il casale di Tor Marancia, si trova alle spalle di Via delle Sette Chiese, nella proprietà oggi indicata come Horti Flaviani.
I primi insediamenti risalgono agli anni 30' dell'ottocento; nel 1948 sorsero le prime case popolari di Tor Marancia, quindi i recenti quartieri della Montagnola e Grotta Perfetta.
Oggi la tenuta di Tor Marancia e di proprietà privata, quindi non a disposizione dei cittadini, tranne alle visite che vengono organizzate periodicamente dalle associazioni locali.

Il percorso proposto parte da Via dei Numisi, imboccando la vecchia Via Ardeatina, dove sulla sinistra si possono notare i resti della villa dei Numisii. Procedendo il percorso si arriva alla salitella che propone un panorama suggestivo che arriva fino all'Appia Antica. Proseguendo verso la Via Ardeatina si arriva all'area dei 'bagni' dove sono ancora visibili alcuni cunicoli idraulici scavati nel tufo. La visita prosegue tra i caseggiati di epoca ottocentesca, e una tomba risalente alla fine del I secolo d.C. scavata nel tufo.
Il sentiero continua in un bosco di pioppi dove si nota una rete idraulica di età romana, proseguendo, il percorso finisce di nuovo su Via dei Numisi.

Paola Ferraro