Comandi

Immagine logo sito
Issue115 del 21/10/2018 Year: 2019 ID: 2 Mercoledi 19 Giugno 2019, ore 06:04

, Home Page (Sommario) , Manda un email all'autore , Elenco Articoli per Cerca tra gli articoli , Tema:Municipio XII , SkSoggetto:Europa , Tipo Articolo:Eventi ,
,
a cura di Laura Petringa
Per saperne di piu' su di me...

Email: Premi per inviare un messaggio di posta elettronica , ,



Articoli: 147 Premi per andare all'elenco degli articoli
,




teatro auditorium Massimo  
(Premi per la FOTO Ingrandita)

Sogno di una notte di mezza estate

Da Milano a Bari. A Roma il 30 ottobre serata all'Auditorium con i ragazzi dell’Istituto non udenti di Tirana

Id Article:10249 date 30 Ottobre 2006

Roma, l'Istituto non udenti di Tirana metterà in scena,questa sera, con alcuni coetanei normoudenti, lo spettacolo 'Sogno di una notte di mezza estate' di W. Shakespeare al teatro auditorium Massimo, ore 20.30 La compagnia è composta da 20 ragazzi non udenti dell'Istituto per sordi di Tirana e da 10 normo-udenti. 

Partiti il 24 Ottobre a Milano per proseguire a Torino, Roma e Bari, la tournèe è stata realizzata nell'ambito dell'iniziativa 'Le risorse del diverso' promosso dal Magis – Movimento e Azione dei Gesuiti Italiani per lo Sviluppo - e co-finanziato dal Ministero degli Affari Esteri.
'Sogno di una notte di mezza estate' è frutto di un progetto di laboratorio teatrale avviato da Tiziana Scrocca nel dicembre 2004 e conclusosi dopo 5 mesi con la rappresentazione dello spettacolo in varie città albanesi, riscuotendo grande successo di pubblico . 

L'iniziativa 'Le risorse del diverso' nasce all'interno del progetto 'Recupero dell' handicap uditivo nei bambini sordi albanesi', che con l'apporto tecnico del Servizio di Audiologia e Foniatria dell'Università di Padova per rieducarli ad un linguaggio uditivo-verbale e a promuovere l'integrazione sociale.
La replica del 30 Ottobre all'Auditorium Massimo, laboratorio teatrale magis  
(Premi per la FOTO Ingrandita) rivolta ad un pubblico adulto, ad ingresso libero, promuove una raccolta fondi al fine di permettere a questi ragazzi di seguire un corso di formazione e trovare un'occupazione. Altro obiettivo è fornire alll' Istituto di Tirana attrezzature didattiche adeguate .
Il progetto è il risultato di un precedente intervento del Magis, teso al recupero dell'handicap uditivo di 150 allievi dell'Istituto per non udenti di Tirana mediante l'applicazione di protesi acustiche ed esercizi di riabilitazione uditivo-verbale. 

«La problematica dell'handicap uditivo è un fatto molto grave nei paesi in via di sviluppo, dove la condizione di emarginazione risulta molto amplificata» dichiara Giuseppe Mazzini, responsabile del progetto Magis. «In Albania un non udente difficilmente riesce ad inserirsi in contesti sociali normali, dal momento che l'handicap uditivo viene associato ad una condizione di menomazione assoluta».


Laura Petringa