ERRORE 70
Permission denied D:\home\h555297.winp026.arubabusiness.it\romalocale.it\public\System\Contatori\ContatoreVisite.txt

Comandi

Immagine logo sito
Issue111 del 17/09/2007 Year: 2007 ID: 86 Martedi 20 Novembre 2018, ore 13:35

, Home Page (Sommario) , Manda un email all'autore , Elenco Articoli per Cerca tra gli articoli , Tema:Provincia di Roma , SkSoggetto:Provincia di Roma (zona Sud-Castelli) , Tipo Articolo:Articoli Vari ,
,
a cura di Massimiliano Baldolini
Per saperne di piu' su di me...

Email: Premi per inviare un messaggio di posta elettronica , ,



Articoli: 43 Premi per andare all'elenco degli articoli
,




La piazza principale del Comune alle porte di Roma.  
(Premi per la FOTO Ingrandita)

Arrestato a Grottaferrata un narcotrafficante

La polizia ha arrestato, nella cittadina alle porte di Roma, un quarantaseienne che aveva allestito nel suo appartamento una sorta di laboratorio della droga.

Id Article:10251 date 1 Novembre 2006

Roma, La polizia del commissariato Fidene-Serpentara ha arrestato un narcotrfficante di Grottaferrata. Quest'ultimo aveva realizzato nel suo appartamento una sorta di laboratorio in cui preparava ectasy a quantità “industriali. L'unità di polizia ha trovato, sempre nell'abitazione del balordo, 45mila pasticche per un valore di 1 milione e 125mila euro.

Gli agenti della polizia si sono insospettiti quando hanno visto l'uomo, vecchia conoscenza delle forze dell'ordine, uscire ed entrare dal suo appartamento nei pressi di grottaferrata nonostante risiedesse alla Garbatella.

Il suo andirivieni ha insospettito, quindi, la polizia che ha così approntato un controllo più mirato. Tra l'altro, l'uomo nel marzo scorso era stato fermato a un posto di blocco mentre era alla guida della sua auto: in quell'occasione la vettura era stata perquisita perché i cani delle unità cinofile avevano mostrato particolare «interesse» nei confronti del mezzo. Ma il controllo dell'autovettura aveva dato esito negativo.

Nell'appartamento gli agenti hano trovato anche sostanze usate,di solito, per il taglio della cocaina oltre ad una pressa artigianale ed a un macchinario per il confezionamento sottovuoto.

Secondo quanto accertato dagli investigatori, l'uomo importava la droga dall'Olanda e dal Sudamerica mantenendo contatti con i fornitori. Una volta giunta a Roma, la merce veniva venduta all'ingrosso nella capitale ma anche nel resto del Lazio. Gli agenti stanno ora rintracciando due complici, stranieri, dell'arrestato.



Massimiliano Baldolini