Comandi

Immagine logo sito
Issue115 del 21/10/2018 Year: 2019 ID: 2 Sabato 19 Gennaio 2019, ore 22:47

, Home Page (Sommario) , Manda un email all'autore , Elenco Articoli per Cerca tra gli articoli , Tema:Cultura , SkSoggetto:Eventi culturali , Tipo Articolo:Eventi ,
,
a cura di Laura Petringa
Per saperne di piu' su di me...

Email: Premi per inviare un messaggio di posta elettronica , ,



Articoli: 147 Premi per andare all'elenco degli articoli
,




Tabula Iliaca del I sec a.C  
(Premi per la FOTO Ingrandita)

L'Iliade a Roma

Al Colosseo fino al 18 febbraio 2007 mostra sull'Iliade con opere inedite

Id Article:10252 date 1 Novembre 2006

Roma, "Cantami, o Diva, del Pelide Achille l'ira funesta che infiniti addusse lutti agli Achei [...]":

inconfondibile l'incipit del poema più famoso del mondo: l'Iliade. 

La mostra che si svolge al Colosseo ripercorre le tracce del poema partendo da una sezione iniziale dedicata i prodromi dell'opera, come ad esempio il giudizio di Paride, per giungere poi ad una galleria meravigliosa, dove si respira l'arte romana, ammirando dèi ed eroi della cultura greca. 


Questa splendida sincronia fa della mostra una vera e propria opera nell'opera,un microcosmo nel macrocosmo. 


Le due civiltà più grandi della storia si uniscono per creare qualcosa di unico. 


Dal celebre incipit, presente in mostra su un graffito proveniente dal Museo Nazionale Romano ,sono celebrati gli eroi e le gloriose gesta di personaggi forti e umanissimi, nonché la loro vita quotidiana, le arti dell'aratura, la vita di tutto un popolo


Il poema -omerico?-(e da qui un dibattito infinito sulla "questione Omerica")-si concentra sulla fine del nono anno, su circa cinquanta giorni in cui prendono corpo - come osserva Carlo 

Muscetta nella traduzione di Vicenzo Monti
- i "due centri da cui muove l'azione di tutta l'Iliade": il ritiro di Achille dalla guerra, il ritorno di Achille in guerra

é la storia di un Achille che offeso nel valore e nella dignità di guerriero da Agamennone, "il re dè prodi Atride", capo supremo degli achei, si ritira con i suoi mirmidoni dalla lotta con la conseguenza, favorita da Zeus, che i greci sono ricacciati fino alle navi. 


Tra le statue più interessanti il celebre busto di Omero, ovviamente creato dall'immaginazione degli autori, di cui esistono ben 22 interpretazioni dalle comuni caratteristiche. Questo , rigorosamente cieco, è un busto in marmo bianco esposto nei Musei Capitolini del II secolo avanti Cristo. 


"Gli occhi sono senza bulbi oculari, busto di Omero in marmo bianco esposto nei Musei Capitolini del II secolo  
(Premi per la FOTO Ingrandita) uno sguardo ideale perso nell'infinito di un grande poeta. Un ritratto "pieno di tensione in cui, trasfigurate le fattezze umane, appare il riflesso di un'aura divina, propria di chi è ispirato direttamente dal cielo" 


Di notevole importanza la"Tabula Iliaca" del Primo secolo a.C., scoperta lungo la via Appia, anch'essa proveniente dai Musei Capitolini, dove si trovano centinaia di personaggi, cavalli, navi,tutto in bassorilievo. 


Trattasi della più articolata fra le "Tabulae Iliacae", scolpite con illustrazioni dei poemi omerici e ciclici. 


Qui sono presenti scene dall'"Iliade", dall'"Etiope" di Arctino di Mileto, dalla "Piccola Iliade" di Lesche di Pirra , persino dall'"Eneide" con le vicende di Enea alle quali i romani erano particolarmente sensibili come l'eroe divino all'origine di tutto. 

 
La parte finale della mostra è legata alle scene più forti ed intense del poema,le battaglie e gli amori, oltrechè un'intero spazio con i busti degli eroi greci e troiani. 

Statue e teste marmoree ricordano come le divinità partecipino ed influenzino le gesta di re, mentre Andromaca è protagonista di un rilievo del Museo Archeologico Nazionale di Reggio Calabria. 


Pannelli bilingui (in italiano e inglese), descrittivi , accompagnano i pezzi esposti con citazioni di versi tratti dall'Iliade. 


I giorni e gli orari in cui sarà possibile vistare la mostra, pagando un biglietto unico per entrare al Colosseo e alla galleria sono i seguenti: 


Dal 1 al 28 Ottobre dalle ore 8,30-18,30; 

dal 29 Ott al 15 Febbraio  h8,30-16,30;

dal 16 al 18 Febbraio  h8,30-17. 








Laura Petringa