Comandi

Immagine logo sito
Issue115 del 21/10/2018 Year: 2019 ID: 2 Giovedi 27 Giugno 2019, ore 11:20

, Home Page (Sommario) , Manda un email all'autore , Elenco Articoli per Cerca tra gli articoli , Tema:Cultura , SkSoggetto:Mostre d'arte , Tipo Articolo:Arte a Roma ,
,
a cura di Cinzia Folcarelli

, ,



Articoli: 50 Premi per andare all'elenco degli articoli
,




Skede: 10 Premi per andare all'elenco delle skede soggetti che ho compilato
Settore di Santa Rosa, Ricostruzione dell'area nord - ovest, immagine Musei Vaticani  
(Premi per la FOTO Ingrandita)

La Necropoli Romana della Via Triumphalis

Aperta al pubblico un’area della Necropoli scoperta durante i lavori effettuati per la realizzazione di un parcheggio all’interno della Città del Vaticano

Id Article:10258 date 4 Novembre 2006

Roma, Il sottosuolo della città eterna non finisce mai di stupire. Stavolta sono i sotterranei della Città del Vaticano a regalarci un tesoro nascosto. Si tratta di una area della Necropoli Romana della Via Triumphalis, scoperta nel 2003 durante i lavori per la realizzazione del parcheggio di Santa Rosa.

Nell'ambito delle manifestazioni organizzate per celebrare il V Centenario dei Musei Vaticani (1506 - 2006) il nuovo settore della Necropoli è stato aperto al pubblico e, per l'occasione, è stato studiato un suggestivo allestimento che permette una “passeggiata aerea” sopra la Necropoli stessa.

Il prestigioso scavo è stato condotto dagli archeologici dei Musei Vaticani: si tratta della prosecuzione di quello risalente agli anni Cinquanta del Novecento, che aveva rivelato la Necropoli dell'Autoparco, così chiamata perché scoperta durante i lavori per costruire l'Autoparco Vaticano.

Le due aree cimiteriali, insieme ai vicini Settori della Galea e dell'Annona, costituiscono parte del grande sepolcreto della Via Triumphalis, che collegava Roma a Veio, attraverso Monte Mario.

Sono stati scoperti circa quaranta edifici sepolcrali di piccola e media grandezza e più di duecento sepolture singole disposte su diversi livelli, segnalate da cippi, stele, altari e lastre con iscrizioni che spesso rivelano il mestiere o il luogo d'origine dei personaggi sepolti, offrendo anche una visione in chiave sociale della Necropoli.
Quasi tutte le tombe si trovano in ottimo stato di conservazione e risalgono al I sec. a.C. - inizi IV sec. d.C., Settore di Santa Rosa, Sepolcro VIII, particolare del mosaico pavimentale con Dioniso, foto Musei Vaticani  
(Premi per la FOTO Ingrandita) dall'epoca di Augusto a quella di Costantino.
Pregiati e molto interessanti le decorazioni parietali e i pavimenti a stucco di alcuni edifici, e soprattutto alcuni sarcofagi scolpiti a bassorilievo, tra cui quello del giovane cavaliere Publius Caesilius Victorinus (270 - 290 d.C.), decorato con la figura di un orante accanto ad un albero con sopra un uccello, iconografia che sembra indicare che il defunto professava il Cristianesimo, in un periodo precedente l'Editto di Milano di Costantino del 313 d.C.

Fra i sepolcri più monumentali la tomba a camera dei Passieni, all'interno della quale sono state trovate due are riccamente decorate risalenti all'età di Nerone (54 - 68 d.C.) e alla dinastia dei Flavi (69 - 96 d.C.), una delle quali attesta la presenza nel sepolcreto di un personaggio di rilevanza storica, Tiberio Claudio Optato, liberto dell'imperatore Nerone e archivista del suo patrimonio privato.


La Necropoli romana della Via Triumphalis
Durata della mostra: dal 10 Ottobre 2006
Sede: Roma, Città del Vaticano, Complesso Archeologico Musei Vaticani, settori Santa Rosa e Autoparco
Orario: venerdì e sabato; prenotazione obbligatoria scritta ai Musei Vaticani - Ufficio Visite Speciali, tel. 06 69884947; fax 06 69881573; visitespeciali.musei@scv.va
Biglietto: € 5
Catalogo: Edizioni d'Arte De Luca





Cinzia Folcarelli