Comandi

Immagine logo sito
Issue114 del 20/10/2018 Year: 2018 ID: 6 Lunedi 17 Dicembre 2018, ore 14:34

, Home Page (Sommario) , Manda un email all'autore , Elenco Articoli per Cerca tra gli articoli , Tema:Comune di Roma , SkSoggetto:Prefettura di Roma , Tipo Articolo:Articoli Vari ,
,
a cura di Federico Formica

, ,



Articoli: 21 Premi per andare all'elenco degli articoli
,




Il nuovo sportello faciliterà la vita agli stranieri  
(Premi per la FOTO Ingrandita)

La Sapienza apre lo sportello per gli stranieri

La prima università di Roma semplifica la vita a studenti e professori extracomunitari

Id Article:10286 date 11 Novembre 2006

Roma, L'Università “La Sapienza” ha aperto uno “sportello stranieri” al suo interno. Un ufficio dove gli studenti e i professori che provengono da fuori l'Unione Europea potranno richiedere e ritirare il permesso di soggiorno, condizione fondamentale per vivere nel nostro paese.

Il progetto, fortemente voluto dal prefetto di Roma Achille Serra, è stato ufficializzato venerdì scorso da un comunicato del Comune. Serra ha preso questa decisione di comune accordo con il rettore dell'Università Renato Guarini e con il questore Marcello Fulvi.

Lo sportello stranieri renderà molto più semplice la vita di tutti gli universitari extra-europei, che troppo spesso vengono sommersi dalle carte e scartoffie della burocrazia italiana. Funzionerà così: lo studente o il professore straniero richiede il rinnovo del suo permesso di soggiorno allo sportello dentro la città universitaria; il commissariato di Polizia (anche questo dentro la città universitaria) trasmetterà tutte le richieste di rinnovo all'Ufficio Immigrazione della questura di Roma. L'esito della pratica (il rilascio, Sempre di meno, grazie al nuovo sportello per stranieri de "La Sapienza"!  
(Premi per la FOTO Ingrandita) il rinnovo, l'annullamento, la revoca del permesso di soggiorno) viene comunicato al professore o studente immediatamente.

La nascita di questo sportello era diventata ormai necessaria. L'università di Roma ospita nelle sue aule moltissimi extra-comunitari che ora potranno sbrigare tutte le pratiche dentro alla stessa “Sapienza”, senza girovagare per mille uffici sparsi per la città. Un risparmio di tempo ed energie tutto a vantaggio della vita accademica.

Federico Formica