ERRORE 70
Permission denied D:\home\h555297.winp026.arubabusiness.it\romalocale.it\public\System\Contatori\ContatoreVisite.txt

Comandi

Immagine logo sito
Issue111 del 17/09/2007 Year: 2007 ID: 86 Martedi 20 Novembre 2018, ore 13:38

, Home Page (Sommario) , Manda un email all'autore , Elenco Articoli per Cerca tra gli articoli , Tema:Svago , SkSoggetto:Concerti , Tipo Articolo:Articoli Vari ,
,
a cura di Lorenzo D'albergo
Per saperne di piu' su di me...

Email: Premi per inviare un messaggio di posta elettronica , ,



Articoli: 100 Premi per andare all'elenco degli articoli
,




Skede: 1 Premi per andare all'elenco delle skede soggetti che ho compilato
Save The Children Reggae Festival 2006  
(Premi per la FOTO Ingrandita)

This is Reggae Music!

Grande successo per il Reggae Festival organizzato da Save The Children. Sul palco Jimmy Cliff ed i SUD Sound System

Id Article:10305 date 18 Novembre 2006

Roma,
Oltre 10.000 gli appassionati presenti ieri sera al Palalottomatica. Con soli 5 euro veniva offerta l'occasione di passare una serata “diversa” e, allo stesso momento, di aiutare il più grande movimento internazionale ed indipendente per la difesa dei diritti dei bambini, Save The Children.
Il festival, organizzato con l'aiuto della Provincia di Roma, ha raccolto i più grandi artisti internazionali ed italiani del panorama reggae.

Ad aprire le danze erano i Villa Ada Crew, gruppo tutto romano. Luci colorate illuminavano i giovani accorsi in massa all'evento, pronti a farsi trasportare dai travolgenti ritmi reggae. Conclusa, tra “Zumpi e Balli” ed un inequivocabile odore di cannabis, la serie di brani mixati dai Villa Ada Crew, i primi artisti internazionali prendevano posto sul palco. Ottime l'esibizione di Zoe, volto nuovo del mondo reggae, che con la sua voce calda e soffice aggiungeva un tocco soul al mare ininterrotto di reggae puro ascoltato fino a quel momento.
Fantastica la performance dell'“ambasciatore del reggae”, Iqulah Bioita, che, grazie al suo carisma, stabiliva un fantastico feeling con il pubblico, pronto a rispondere ai suoi "inviti". Subito dopo era pronto alla staffetta Ky-Mani Marley, figlio della vera icona di questo movimento musicale, la legenda Bob Marley. Rivivevano i vecchi fasti brani come “One love” e “I shot the sheriff". Il pubblico andava in delirio.

Solo nelle battute finali del festival si esibivano gli artisti italiani,tra cui gli artisti più attesi della serata, i SUD Sound System. Attivo da quasi 20 anni e sempre presente alle grandi manifestazioni benefiche, il gruppo salentino veniva accolto con un lungo applauso dal pubblico. Impressionante il numero di persone che continuavano ad entrare in un Palalottomatica ormai stracolmo.
A chiudere il concerto era Jimmy Cliff, “talent scout” (fu lui a scoprire il talento di Bob Marley) della musica reggae ed autore di vere e proprie opere quali “Wonderful world, beautiful people” e “You can get it, if you really want”. Facilmente prevedibile la reazione del pubblico, letteralmente in visibilio di fronte a quella che è una legenda vivente per chiunque ami lasciarsi coccolare dai cadenzati ritmi reggae.

Ma, oltre alla musica, c'era qualcosa di più importante in ballo ieri sera. Grazie all'incasso del “Save The Children Reggae Festival 2006” saranno infatti realizzati due pozzi in Etiopia, ma come ricordava il filmato, riprodotto in continuazione alle spalle degli artisti durante l'intero concerto, questa è solo “una goccia d'acqua nel mare immenso della siccità”.



Lorenzo D'albergo