ERRORE 70
Permission denied D:\home\h555297.winp026.arubabusiness.it\romalocale.it\public\System\Contatori\ContatoreVisite.txt

Comandi

Immagine logo sito
Issue111 del 17/09/2007 Year: 2007 ID: 86 Giovedi 15 Novembre 2018, ore 12:28

, Home Page (Sommario) , Manda un email all'autore , Elenco Articoli per Cerca tra gli articoli , Tema:Comune di Roma , SkSoggetto:Comune di Roma , Tipo Articolo:Articoli Vari ,
,
a cura di Mauro Leoni
Per saperne di piu' su di me...

Email: Premi per inviare un messaggio di posta elettronica , ,



Articoli: 52 Premi per andare all'elenco degli articoli
,




vigili del fuoco all'opera  
(Premi per la FOTO Ingrandita)

Incendio a Palazzo Venezia

Il rogo è stato domato dai Vigili del Fuoco accorsi tempestivamente sul posto

Id Article:10325 date 23 Novembre 2006

Roma, momenti di tensione, ieri quando intorno alle 18, il fumo di un incendio ha fatto scattare l'allarme al centro della Capitale. In pochi minuti sono arrivati a Palazzo Venezia,lato via degli Astalli, quattro mezzi dei vigili del fuoco, insieme con personale di polizia e carabinieri, che hanno subito provveduto a domare le fiamme

Dopo l'intervento, vigili del fuoco e investigatori, hanno fatto il punto della situazione affermando: “ Non c'è stato alcun pericolo”. L'incendio si è sviluppato in un ufficio del primo piano del museo ospitato dal Palazzo. L'ambiente era libero, poiché gli operai avevano appena finito la ristrutturazione. C'era al centro della stanza un armadio che conteneva qualche faldone di documentazione amministrativa, relativa al museo storico del Palazzo

Secondo la ricostruzione, il rogo sarebbe stato causato da un mozzicone di sigaretta lasciato in un cestino per la carta. Le fiamme si sarebbero poi propagate all'armadio al centro della stanza, attraverso alcuni cartoni, bruciando 4 o 5 faldoni in esso contenuti. Il calore avrebbe poi fatto esplodere delle bombolette di vernice, usate poco prima dagli operai che stavo pitturando le mura

Nel Palazzo, edificato nel 1455 che deve la sua fama al fatto che qui Mussolini insedio il suo quartier generale, si è svolto un lungo sopralluogo. Nonostante non sia stato confermato, sembra non vi siano dubbi sulla natura non dolosa del rogo. Allo scopo di individuare una qualche responsabilità saranno ascoltati gli operai, che poco prima del fatto avevano lavorato nella stanza



Mauro Leoni