ERRORE 70
Permission denied D:\home\h555297.winp026.arubabusiness.it\romalocale.it\public\System\Contatori\ContatoreVisite.txt

Comandi

Immagine logo sito
Issue111 del 17/09/2007 Year: 2007 ID: 86 Martedi 20 Novembre 2018, ore 13:35

, Home Page (Sommario) , Manda un email all'autore , Elenco Articoli per Cerca tra gli articoli , Tema:Universita' , SkSoggetto:La Sapienza , Tipo Articolo:Articoli Vari ,
,
a cura di Lorenzo D'albergo
Per saperne di piu' su di me...

Email: Premi per inviare un messaggio di posta elettronica , ,



Articoli: 100 Premi per andare all'elenco degli articoli
,




Skede: 1 Premi per andare all'elenco delle skede soggetti che ho compilato
Luciano Ligabue si affaccia alla finestra e saluta i suoi fan  
(Premi per la FOTO Ingrandita)

Ligabue alla Sapienza

“Il Liga” riempie l’Aula Magna e presenta il suo nuovo libro

Id Article:10331 date 26 Novembre 2006

Roma,
Probabilmente non si era mai vista un'Aula Magna così piena. Migliaia i fan di Luciano Ligabue accorsi per conoscere un lato del famoso cantautore pressoché ignoto, quello poetico. L'incontro organizzato, nell'ambito della rassegna “Sapienza d'Autore”, dal primo ateneo romano e dalla Facoltà di Scienze della Comunicazione, a rappresentarla il Preside Mario Morcellini, ha visto Luciano Ligabue presentare il suo primo libro di poesie, edito da Einaudi, dal titolo “Lettere d'amore nel frigo”.

Ospite del Rettore Guarini, Ligabue ha risposto a decine di domande di un pubblico letteralmente imbambolato di fronte alla possibilità di poter “chiacchierare” con il proprio idolo. Sì, perché Ligabue parla ai suoi fan come farebbe con un amico, non come un professore con i suoi studenti.
A coordinare il botta e risposta tra fan e artista è Gianmaurizio Foderaro di Radio Rai Uno.
Tanti i temi trattati, ma quello principale è stato senza ombra di dubbio la solitudine, affrontato in molte delle 77 poesie contenute nell'ultima fatica letteraria del talentuoso cantautore. “La solitudine - ha spiegato Ligabue - fa parte della vita. E' impossibile non provare questa sensazione almeno una volta, La copertina del libro di Luciano Ligabue  
(Premi per la FOTO Ingrandita) se non quotidianamente”.
Poi sui temi trattati nelle sue canzoni e nelle sue poesie: “Le mie poesie sono sfoghi personali e sono diverse dalle canzoni, che sono messaggi che devono arrivare alla gente e devono essere accessibili e chiari. Le poesie invece sono un mio sfogo, anche per questo non ho adoperato punteggiatura di interpunzione. Solo qualche punto interrogativo per interrogare me stesso”. Alla fine dell'incontro il pubblico rimane quasi interdetto, sospeso tra la voglia di abbracciare il cantautore e quella di lasciarlo sul palco a parlare di poesia e musica, amore e solitudine.

Solo una certezza. Questo è stato “il giorno dei giorni” per i tanti che, dopo l'incontro mattutino, si sono dati appuntamento al Grande Teatro, dove, chitarra alla mano, la stessa sera Ligabue si è esibito in quella che è la specialità di questo poliedrico artista. Quella musica che tanta fama e tante fortune ha portato a Ligabue, artista vero e completo, sognatore e razionale narratore del quotidiano allo stesso momento.




Lorenzo D'albergo