ERRORE 70
Permission denied D:\home\h555297.winp026.arubabusiness.it\romalocale.it\public\System\Contatori\ContatoreVisite.txt

Comandi

Immagine logo sito
Issue111 del 17/09/2007 Year: 2007 ID: 86 Martedi 20 Novembre 2018, ore 13:38

, Home Page (Sommario) , Manda un email all'autore , Elenco Articoli per Cerca tra gli articoli , Tema:Municipio XII , SkSoggetto:Millevoi - Ardeatino , Tipo Articolo:Articoli Vari ,
,
a cura di Marco Antonelli
Per saperne di piu' su di me...

Email: Premi per inviare un messaggio di posta elettronica , ,



Articoli: 36 Premi per andare all'elenco degli articoli
,




ufficio postale generico  
(Premi per la FOTO Ingrandita)

“Millevoi”: richiesta d'aiuto

Il comitato di quartiere si appella al prefetto per arginare il degrado della zona

Id Article:10339 date 28 Novembre 2006

Roma, La zona “Millevoi Ardeatina”, nata in seguito all'espansione della capitale verso sud, è una zona periferica con molti intervalli di verde non costruito; una caratteristica questa che se da un lato costituisce un indubbio vantaggio può rivelarsi anche un boomerang se, come nel caso in questione, tali aree vengono completamente trascurate. Proprio l'incuria da parte delle istituzioni ha creato le premesse perché tali zone di verde divenissero terra di occupazione per degli immigrati clandestini, che hanno edificato in loco diverse baracche.

Il sorgere di una baraccopoli all'interno di una zona che già sconta i problemi tipici delle periferie, ha portato una sensibile degradazione della vita del quartiere: aumento di furti nelle abitazioni, risse ripetute tra immigrati e non, commerci dubbi, e cosa più importante, scadimento delle condizioni igenico - sanitarie sia per tali immigrati sia per il resto della popolazione. Bisogna poi considerare che in tali gruppi di persone costrette a questa vita da emarginati vi sono anche dei minori, castell ocecchignola  
(Premi per la FOTO Ingrandita) prime vittime innocenti della scarsa attenzione al problema, costretti a mendicare e a rubacchiare anziché poter vivere una normale infanzia.

La richiesta del pronto intervento del prefetto alla risoluzione di tale situazione è quanto mai opportuna: la situazione si deteriora quotidianamente, facendo pesare il problema completamente sulle spalle degli incolpevoli residenti di questa zona, e limitandone il possibile sviluppo della stessa. Voler ignorare questo tipo di problemi crea solo terreno fertile per la crescita dell'intolleranza: intervenire in tempo prima che succeda qualcosa di grave, è questo il vero appello che il quartiere manda alle istituzioni.

Marco Antonelli