ERRORE 70
Permission denied D:\home\h555297.winp026.arubabusiness.it\romalocale.it\public\System\Contatori\ContatoreVisite.txt

Comandi

Immagine logo sito
Issue111 del 17/09/2007 Year: 2007 ID: 86 Martedi 20 Novembre 2018, ore 13:37

, Home Page (Sommario) , Manda un email all'autore , Elenco Articoli per Cerca tra gli articoli , Tema:Provincia di Roma , SkSoggetto:Regione Lazio , Tipo Articolo:Articoli Vari ,
,
a cura di Marco Antonelli
Per saperne di piu' su di me...

Email: Premi per inviare un messaggio di posta elettronica , ,



Articoli: 36 Premi per andare all'elenco degli articoli
,




il sottosegretario all'interno  
(Premi per la FOTO Ingrandita)

Lotta all’usura, una mano dal governo

Cinque milioni di euro destinati dal governo alle vittime dell’usura nel Lazio.

Id Article:10402 date 19 Dicembre 2006

Roma, Quando si parla di un problema come l'usura spesso si dimentica che, chi è entrato in questo tunnel più di ogni altra cosa ha bisogno di una mano concreta per “rimettersi in piedi”. Il governo italiano ha destinato 70 milioni a livello nazionale per le vittime dell'usura e dei racket, proprio per fornire un primo appoggio economico a delle persone spremute fino all'ultimo centesimo.

Di questi , cinque milioni verranno impiegati nel Lazio, come ha annunciato pochi giorni or sono il sottosegretario all'Interno Ettore Rosato, durante la presentazione della Campagna di informazione 2006 antiracket e antiusura. Erano presenti anche il prefetto Achille Serra e il commissario straordinario del governo per la lotta al racket e all'usura Raffele Lauro. Rosato ha inoltre reso noto che il governo stesso non si vuole limitare ad un aiuto per chi è già stato colpito da tale problema,ma passare anche ad un'azione preventiva: per questo motivo verranno destinati 2,2 milioni di euro ai Confidi, consorzi che erogano fidi alle imprese e 3 milioni alle fondazioni che si occupano delle famiglie. In effetti il vero problema che permette all'usura di prosperare è dato dalla difficoltà di accesso al credito che spesso hanno le aziende nei canali tradizionali: per invertire questa tendenza bisognerà aspettare che l' ABI metta in atto i buoni propositi fin qui professati e mantenuti solo parzialmente.

Marco Antonelli