ERRORE 70
Permission denied D:\home\h555297.winp026.arubabusiness.it\romalocale.it\public\System\Contatori\ContatoreVisite.txt

Comandi

Immagine logo sito
Issue111 del 17/09/2007 Year: 2007 ID: 86 Giovedi 18 Ottobre 2018, ore 19:03

, Home Page (Sommario) , Manda un email all'autore , Elenco Articoli per Cerca tra gli articoli , Tema:Comune di Roma , SkSoggetto:Dal Campidoglio , Tipo Articolo:Articoli Vari ,
,
a cura di Matteo Romani
Per saperne di piu' su di me...

Email: Premi per inviare un messaggio di posta elettronica , ,



Articoli: 42 Premi per andare all'elenco degli articoli
,




Tifosi in festa nello storico "Campo Testaccio" per il primo scudetto romanista (Fonte Foto: www.corederoma.it)  
(Premi per la FOTO Ingrandita)

C’è speranza per il RC Testaccio

Il Gabinetto del Sindaco cercherà di far mantenere allo storico club la medesima struttura oppure di trovarne un’altra condivisa

Id Article:10422 date 27 Dicembre 2006

Roma, Il Comune di Roma si è messo in moto per evitare lo sfratto del Roma Club più importante della Capitale. Stiamo parlando, ovviamente, del Roma Club Testaccio, il locale che da anni costituisce un punto di ritrovo fisso per tutti gli abitati del quartiere. La brutta notizia dell'avviso di sfratto non ha infatti lasciato indifferente l'amministrazione capitolina, consapevole dell'importanza sociale che il club riveste.

Il Roma Club Testaccio e' un luogo storico per la vita della tifoseria giallorosa che rappresenta da quasi quarant'anni un importante punto sociale di aggregazione – si legge in un comunicato emesso dal Campidoglio- L' amministrazione comunale si impegna affinché questo patrimonio non solo sportivo della citta' non venga disperso e possa continuare la sua attivita' nel quartiere dove e' nato”. “Per trovare una soluzione concreta dopo lo sfratto ricevuto dai responsabili della sede giallorosa –prosegue la nota- il Gabinetto del Sindaco si e' subito attivato per contattare il presidente del Club,Sergio Rosi, per salvaguardare l'attuale struttura o trovare un'alternativa condivisa”.



Matteo Romani