Comandi

Immagine logo sito
Issue114 del 20/10/2018 Year: 2018 ID: 6 Lunedi 17 Dicembre 2018, ore 14:33

, Home Page (Sommario) , Manda un email all'autore , Elenco Articoli per Cerca tra gli articoli , Tema:Comune di Roma , SkSoggetto:Prefettura di Roma , Tipo Articolo:Comunicati ,
,
a cura di Paola Ferraro
Per saperne di piu' su di me...

Email: Premi per inviare un messaggio di posta elettronica , ,



Articoli: 94 Premi per andare all'elenco degli articoli
,




Il regista Mel Gibson sul set del film  
(Premi per la FOTO Ingrandita)

"Apocalypto" vietato ai minori di 14 anni

Il Tar del Lazio, ha accolto il ricorso del Codacons,imponendo il divieto provvisorio fino al prossimo 17 gennaio

Id Article:10462 date 11 Gennaio 2007

Roma, La seconda sezione del Tar del Lazio ha accolto il ricorso del Codacons di vietare provvisoriamente ai minori di 14 anni il film di Mel Gibson "Apocalypto".
Il provvedimento di misura cautelare, richiesto dall'Associazione Consumatori Codacons, avrà carattere provvisorio fino alla decisione che sarà assunta in Camera di Consiglio il 17 gennaio prossimo. Dopo questa decisione, il Prefetto Achille Serra ha richiamato l'attenzione delle Associazioni dei gestori dei cinema di Roma e provincia sul decreto emesso dal Tar.
Ritenendo sussistenti i «presupposti dell' estrema gravità ed urgenza» il presidente della II sezione del Tar del Lazio, Italo Raggio, ha ritenuto che «al pregiudizio lamentato può ovviarsi inibendo la visione del film sopra citato ai minori di 14 anni», contravvenendo alla decisione della Commissione di revisione cinematografica di non imporre alcun divieto.
«Ora le sale cinematografiche,per non rischiare pesanti sanzioni, ha affermato il presidente Codacons, Carlo Rienzi, dovranno immediatamente adeguarsi impedendo l'ingresso dei minori di anni 14.

Gia nei giorni precedenti l'uscita del film, il vicepremier Francesco Rutelli aveva fatto appello al «buonsenso» degli esercenti, invitandoli a dissuadere i minori non accompagnati ad entrare a vedere il film, non disponendo di altri strumenti per intervenire.

Intanto, nel primo weekend di programmazione (senza alcun divieto), il film che narra le lotte interne alla civiltà Maya, grazie anche alla pubblicità gratuita, si è classificato al secondo posto del boxoffice dei film più visti, dietro l'intramontabile James Bond.



Paola Ferraro