ERRORE 70
Permission denied D:\home\h555297.winp026.arubabusiness.it\romalocale.it\public\System\Contatori\ContatoreVisite.txt

Comandi

Immagine logo sito
Issue111 del 17/09/2007 Year: 2007 ID: 86 Martedi 20 Novembre 2018, ore 13:37

, Home Page (Sommario) , Manda un email all'autore , Elenco Articoli per Cerca tra gli articoli , Tema:Provincia di Roma , SkSoggetto:Regione Lazio , Tipo Articolo:Articoli Vari ,
,
a cura di Adriano Stefanelli

Email: Premi per inviare un messaggio di posta elettronica , ,



Articoli: 32 Premi per andare all'elenco degli articoli
,




Nel 2006 sono aumentati del 25% i trapianti nella nostra regione rispetto al 2005  
(Premi per la FOTO Ingrandita)

Sanità, aumentano trapianti e donazioni di sangue

Nel 2006 il Lazio si è ricollocato così nella media nazionale

Id Article:10471 date 13 Gennaio 2007

Roma, Ottime notizie per quanto riguarda la Sanità della nostra regione nell'ambito di dati raccolti sull'anno precedente. 

Secondo quanto illustrato dall'assessore alla Sanità del Lazio, Augusto Battaglia, infatti, nel corso del 2006 si è registrato un aumento del 25 per cento dei trapianti (circa 300 rispetto ai 240 realizzati nel 2005) ed un incremento del 9 per cento sulle unità di sangue raccolte (163.685 contro le 150.000 dell'anno precedente). 

Un risultato, questo, molto importante perché ricolloca la nostra regione nella media nazionale, anche se, aggiunge Battaglia, c'è possibilità di migliorare:”Questi numeri sono molto importanti, Le donazioni di sangue sono aumentate del 9% nel 2006 rispetto al 2005  
(Premi per la FOTO Ingrandita) ma ancora non ci soddisfano appieno. Ci attendiamo perciò un 2007 con risultati ancora migliori, grazie, speriamo, ad una collaborazione ancora più grande da parte dei nostri cittadini”. 

Certo, in giorni in cui la nostra sanità è al centro di una bufera per quanto riguarda le condizioni pietose di alcune aule del Policlinico Umberto I, questi risultati portano una ventata di ottimismo per la nostra città e stanno a dimostrare che i nostri concittadini sono sulla via di una maggiore sensibilizzazione verso questo settore della sanità, molto importante e, in alcuni casi fondamentale, per continuare a mantenere in vita chi è sull'orlo di abbandonarla.

Adriano Stefanelli