ERRORE 70
Permission denied D:\home\h555297.winp026.arubabusiness.it\romalocale.it\public\System\Contatori\ContatoreVisite.txt

Comandi

Immagine logo sito
Issue111 del 17/09/2007 Year: 2007 ID: 86 Martedi 13 Novembre 2018, ore 08:58

, Home Page (Sommario) , Manda un email all'autore , Elenco Articoli per Cerca tra gli articoli , Tema:Provincia di Roma , SkSoggetto:Regione Lazio , Tipo Articolo:Articoli Vari ,
,
a cura di Massimiliano Baldolini
Per saperne di piu' su di me...

Email: Premi per inviare un messaggio di posta elettronica , ,



Articoli: 43 Premi per andare all'elenco degli articoli
,




La strada più pericolosa del Lazio  
(Premi per la FOTO Ingrandita)

Celori chiede un confronto

Il consigliere regionale di Alleanza nazionale Celori lamenta una inefficenza della giunta regionale guidata da Marrazzo incapace di condurre in porto un progetto di miglioramento della strada più pericolosa del Lazio.

Id Article:10496 date 18 Gennaio 2007

Roma, “Ormai la Pontina è una vera e propria emergenza! La Giunta Marrazzo ha vanificato tutto il lavoro fatto sul Corridoio Tirrenico Formia-Roma, autostrada realizzata con il 60% di fondi privati ed inoltre non riesce a raggiungere il suo obbiettivo minimo di raddoppio dell'attuale tracciato Roma-Latina”. E' quanto dichiara Luigi Celori, consigliere regionale di An. ”Verdi e Rifondazione, continua Celori, ancora una volta con la loro demagogia paralizzano la
modernizzazione e la messa in sicurezza della  nostra viabilità. L'impatto ambientale è la solita scusa per non fare nulla. La strada più pericolosa d'Italia è perennemente bloccata".

 Alleanza Nazionale insiste perché si affronti il problema in maniera radicale con il collegamento all'altezza dell'Ardeatina. Solo così si possono evitare le code interminabili che si formano quotidianamente non solo per chi va da Latina a Roma centro salendo sulle rampe del raccordo. 

"Chiederò oggi,conclude Celori, al Presidente Pineschi di convocare un consiglio straordinario per parlare di viabilità. Le strade come i  rifiuti, come la sanità, non possono essere  oggetto di teoriche divisioni ideologiche. Sono argomenti che vanno affrontati subito nell'interesse dei cittadini anche con nuove convergenze in aula”. Alleanza Nazionale è aperta al confronto.



Massimiliano Baldolini