ERRORE 70
Permission denied D:\home\h555297.winp026.arubabusiness.it\romalocale.it\public\System\Contatori\ContatoreVisite.txt

Comandi

Immagine logo sito
Issue111 del 17/09/2007 Year: 2007 ID: 86 Mercoledi 14 Novembre 2018, ore 04:41

, Home Page (Sommario) , Manda un email all'autore , Elenco Articoli per Cerca tra gli articoli , Tema:Comune di Roma , SkSoggetto:Comune di Roma , Tipo Articolo:Trasporti ,
,
a cura di Paola Ferraro
Per saperne di piu' su di me...

Email: Premi per inviare un messaggio di posta elettronica , ,



Articoli: 94 Premi per andare all'elenco degli articoli
,




Un'immagine della metropolitana di Roma  
(Premi per la FOTO Ingrandita)

Metropolitana di Roma da bocciare

Negativo l’ultimo rapporto dell’Agenzia per il controllo dei servizi pubblici: soffre per carenze strutturali e accesso alle stazioni

Id Article:10505 date 20 Gennaio 2007

Roma,
La metropolitana di Roma, non è in ‘buono stato' e la conferma non viene dai cittadini, ma da un ente che dipende dal Comune. L'Agenzia per il controllo e la qualità dei servizi pubblici locali del Comune, nel suo trimestrale rapporto (ottobre-dicembre), conferma, quanto le due linee metropolitane si allontanano, e di molto dagli standard qualitativi fissati dalle direttive italiane ed europee per il trasporto dei passeggeri.
L'Agenzia, istituita quattro anni fa con una deliberazione del Consiglio, dal 2003 monitora tramite rilevazioni sul campo anche il trasporto sotterraneo capitolino sulla base di cinque indicatori: accesso alla stazione, informazione e attenzione al cliente, comfort dell'attesa, qualità del viaggio e sicurezza.

Il controllo è stato eseguito sulle infrastrutture ovvero, la verifica dei parametri di qualità sulle 27
stazioni della linea A e sulle 22 stazioni della linea B, e si è preso in esame un campionario dei mezzi di trasporto con la verifica dei parametri di qualità su 49 convogli scelti casualmente, 27 della linea A e 22 della linea B.

Vediamo punto per punto i risultati finali:

Accesso alla stazione: Questo indicatore è quello caratterizzato da un andamento peggiore, e include vari parametri, impianti non sufficientemente attrezzati di ascensori, scale mobili, parcheggi, che sono problemi complessi non risolvibili a breve termine se non con processi di ristrutturazione. L' indicatore segna 60,1 a fronte di uno standard europeo di 79,4. Disastroso lo stato delle infrastrutture interne come ascensori e scale mobili (51,4 contro uno standard di 81), altrettante il livello di disponibilità delle biglietterie (64,4 contro uno standard di 86,4). Questo per quanto riguarda la linea A, per la B invece, le infrastrutture interne perdono di 52,1 contro 81, la disponibilità di biglietterie (74, Distributori automatici presenti nella stazioni della metropolitana di Roma  
(Premi per la FOTO Ingrandita) 4 contro 79,4).

Informazione e attenzione al cliente: I voti peggiori arrivano dalla carenza di informazioni che vengono fornite quando si verificano delle condizioni anormali di viaggio. La linea A risulta caratterizzata da evidenti gap rispetto agli standard, (30,8 a fronte di uno standard di 66,7) sia in termini positivi (informazioni generali, assistenza, personale), sia in termini negativi (opzioni di biglietteria). La linea B presenta scostamenti meno accentuati, (67,5 a fronte di uno standard di 75,9), ma molto critica in condizioni anormali (42,6 contro 66,7).

Comfort dell'attesa: Per la linea A, 59,7 contro 76,3 il dato complessivo; 52,8 contro 100 per i servizi aggiuntivi come servizi igienici e commerciali e 13,7 contro 66,7 per i posti a sedere sulle banchine. Tredici punti di distacco dallo standard vengono registrati per quanto riguarda in comfort dell'attesa, nella linea B, 62,9 contro 76,3. In poche parole c'è poco spazio e mancano i posti a sedere.

Qualità del viaggio e sicurezza: Per entrambe le linee c'è un problema di sovraffollamento; per la linea A, riguardo la qualità (63,4 contro uno standard di 71,6), e preoccupante è il dato sulla disponibilità di posti a sedere: 41,6 contro il 66,7 di standard. Sempre per la linea A uno dei principali problemi è la frequenza dei treni. Per la linea B l'elemento più problematico è invece quello relativo alle condizioni ambientali (51,7 su 70,4).

Dati che vanno ad aggiungersi a quelli contenuti nel Rapporto sull'economia romana presentato a fine anno che vedono l'aumento costante di mezzi privati e la crescita zero di passeggeri su quelli pubblici.

Tutte i dati completi sono disponibili sul sito www.agenzia.roma.it


Paola Ferraro