ERRORE 70
Permission denied D:\home\h555297.winp026.arubabusiness.it\romalocale.it\public\System\Contatori\ContatoreVisite.txt

Comandi

Immagine logo sito
Issue111 del 17/09/2007 Year: 2007 ID: 86 Mercoledi 14 Novembre 2018, ore 04:42

, Home Page (Sommario) , Manda un email all'autore , Elenco Articoli per Cerca tra gli articoli , Tema:Comune di Roma , SkSoggetto:Comune di Roma , Tipo Articolo:Cronaca ,
,
a cura di Laura Petringa
Per saperne di piu' su di me...

Email: Premi per inviare un messaggio di posta elettronica , ,



Articoli: 147 Premi per andare all'elenco degli articoli
,




scimpanzè al Bioparco in un luogo che ricrea il proprio habitat  
(Premi per la FOTO Ingrandita)

Lo zoo di Aprilia fa nascere nuovi reclusi

Delegata del Sindaco di Roma per i diritti degli animali, Monica Cirinnà: è diseducativo accudirli come esseri umani

Id Article:10508 date 22 Gennaio 2007

Roma,
Criticando i metodi della struttura di via Fossignano, di proprietà dell'animal trainer Daniel Berquini., la delegata del Sindaco di Roma ai Diritti degli Animali,Monica Cirinnà,esprime il proprio dissenso sulla nascita di nuovi animali in cattività, che non potranno mai essere inseriti nel contesto naturale ed originario in cui dovrebbero poter vivere nel pieno dei propri diritti.
Altrettanto sbagliato è accudirli come fossero esseri umani. 


Il nuovo scimpanzè, nato con l'inizio del nuovo anno nello zoo privato di Aprilia, “..tra l´altro trattato e vestito come un bebè, - sostiene la Delegata - sarà condannato ad essere recluso per tutta la vita, non conoscerà mai la libertà. E' un falso amore per gli animali. Quella povera scimmia passerà un´intera vita tra recinti e sbarre di metallo,affetta da una continua sofferenza fisica e psicologica che rischieranno di farle perdere per sempre le caratteristiche etologiche originarie degli animali". 

Di qui la differenza con l'etica del  Bioparco di Roma:

"Questo - continua la Cirinnà - si prefigge di rispettare gli animali e di prevenire le riproduzioni, nuova linea adottata dal Comitato Scientifico da me presieduto, perché non è eticamente e moralmente sostenibile far nascere animali in cattività quando per i nuovi nati non vi è alcuna possibilità di reinserimento in natura. Per questo abbiamo scelto di trasformare la struttura in luogo di accoglienza per animali sequestrati o maltrattati”.




Laura Petringa