ERRORE 70
Permission denied D:\home\h555297.winp026.arubabusiness.it\romalocale.it\public\System\Contatori\ContatoreVisite.txt

Comandi

Immagine logo sito
Issue111 del 17/09/2007 Year: 2007 ID: 86 Giovedi 15 Novembre 2018, ore 23:04

, Home Page (Sommario) , Manda un email all'autore , Elenco Articoli per Cerca tra gli articoli , Tema:Municipio XII , SkSoggetto:Castel di Leva-Divino Amore , Tipo Articolo:Articoli Vari ,
,
a cura di Lorenzo D'albergo
Per saperne di piu' su di me...

Email: Premi per inviare un messaggio di posta elettronica , ,



Articoli: 100 Premi per andare all'elenco degli articoli
,




Skede: 1 Premi per andare all'elenco delle skede soggetti che ho compilato
La rotatoria che congiunge via della Cecchignola e via di Tor Pagnotta  
(Premi per la FOTO Ingrandita)

Vita dura per i motorini a Castel di Leva

Arrivare a Roma, tra buche e dislivelli, è un’avventura. A denunciare la situazione sono i cittadini

Id Article:10548 date 5 Febbraio 2007

Roma,
Se avete un mezzo a due ruote fareste meglio a scegliere una strada alternativa a via Castel di Leva. Dallo svincolo che la congiunge a via Ardeatina fino al distributore AGIP la strada versa in condizioni desolanti. Buche e “toppe” costellano il manto stradale ed a rischiare seriamente la vita sono i conducenti di motorini e moto. Restare in equilibrio sulle due ruote è quantomeno impegnativo ed a confermarlo sono i cittadini stessi, preoccupati per la loro incolumità, messa a rischio ogni giorno dalle voragini della strada. 
Recarsi al lavoro la mattina e ritornare a casa alla fine della giornata sta diventando una vera e propria avventura

Un altro problema è quello che riguarda la nuova rotatoria,aperta al traffico, ma ancora in via di completamento. Il vecchio ed il nuovo manto stradale si congiungono creando un dislivello, che, se avvertito solo leggermente dai conducenti di automobili, rappresenta l'ennesimo pericolo per i conducenti di mezzi a due ruote.
Gli abitanti di zona ora chiedono che la rotatoria sia completata in tempi brevi, senza aspettare che la stessa sia “battezzata” dal primo incidente.


Lorenzo D'albergo