ERRORE 70
Permission denied D:\home\h555297.winp026.arubabusiness.it\romalocale.it\public\System\Contatori\ContatoreVisite.txt

Comandi

Immagine logo sito
Issue111 del 17/09/2007 Year: 2007 ID: 86 Lunedi 21 Maggio 2018, ore 14:33

, Home Page (Sommario) , Manda un email all'autore , Elenco Articoli per Cerca tra gli articoli , Tema:Comune di Roma , SkSoggetto:Comune di Roma , Tipo Articolo:Articoli Vari ,

a cura di I. G.

achille serra e walter veltroni  
(Premi per la FOTO Ingrandita)

Spaccio a Roma, vertice in Prefettura

Il Prefetto Serra fa il punto della situazione e dichiara: “Lo scorso anno effettuati più di 1.500 arresti”.

Id Article:10558 date 9 Febbraio 2007

Roma, Il problema esiste e nessuno si sogna di nasconderlo: a Roma la droga gira, ma forse non è così facile trovarla come hanno scritto i giornalisti di Repubblica che, fingendosi avventori in diversi locali del centro, hanno dichiarato quanto semplice sia stato per loro reperire una dose di cocaina. Perché è questa la droga adesso più diffusa e consumata, nella convinzione – errata – che rispetto all'eroina non sia dannosa.

“Prendo atto del problema e della lettera del Sindaco Veltroni - ha dichiarato il prefetto Achille Serra - che sollecitava misure straordinarie di controllo, prevenzione e repressione, verso i luoghi e le situazioni dove c'e' più bisogno di intervenire per sconfiggere il mercato della droga nella Capitale, ma certo sinora non siamo stati con le mani in mano: solo nel 2006 sono stati 1.147 gli arresti per droga, più 549 persone denunciate a piede libero, per una media di 4/5 persone al giorno. Non mi sembra poco. Sollecito comunque la forze dell'ordine a programmare un'azione investigativa congiunta, Un consumatore sniffa cocaina  
(Premi per la FOTO Ingrandita) ma anche azioni forti con chiusure e arresti degli spacciatori”.

D'accordo il Questore Marcello Fulvi, che tuttavia solleva un problema forse non chiaro alla cittadinanza: “Ci viene chiesto perché non andiamo noi in borghese a cercare la droga invece dei giornalisti: bene, questo non lo possiamo fare. Le azioni sotto copertura, come anche l'acquisto di droga, devono essere autorizzate dalla magistratura, che dà l'ok solo per grandi quantitativi, non per pochi grammi. Disobbedendo si va incontro a un procedimento penale e nessuno di noi si sogna di esporre i propri uomini a un rischio simile”.

Vero è che negli ultimi due anni a Roma sono stati sequestrati circa 8 quintali di cocaina; una goccia nel mare certo, ma un bel risultato che dimostra il lavoro costante che da anni viene portato avanti dalle forze dell'ordine per risolvere il problema.


I. G.