ERRORE 70
Permission denied D:\home\h555297.winp026.arubabusiness.it\romalocale.it\public\System\Contatori\ContatoreVisite.txt

Comandi

Immagine logo sito
Issue111 del 17/09/2007 Year: 2007 ID: 86 Giovedi 19 Luglio 2018, ore 19:29

, Home Page (Sommario) , Manda un email all'autore , Elenco Articoli per Cerca tra gli articoli , Tema:Comune di Roma , SkSoggetto:Comune di Roma , Tipo Articolo:Articoli Vari ,
,
a cura di Mauro Leoni
Per saperne di piu' su di me...

Email: Premi per inviare un messaggio di posta elettronica , ,



Articoli: 52 Premi per andare all'elenco degli articoli
,




rifugio costruito dalla famiglia slovacca con le bottiglie di birra  
(Premi per la FOTO Ingrandita)

Vivere in una casa di bottiglie

E’ in questa casa che vive da alcuni anni una famiglia di immigrati Slovacchi

Id Article:10590 date 20 Febbraio 2007

Roma, vedendola dall'esterno può sembrare una piccola casa per le vacanze,con un piccolo “giardino” esterno, i giocattoli sulla veranda e il lavabo esterno per lavare i piatti. Osservandola meglio però ci si rende conto che la costruzione è frutto della “disperazione”, in quanto nessuno si sognerebbe di realizzare una casa a ridosso dei binari del treno e utilizzando come materiale di costruzione le bottiglie

All'interno della casa,costruita nel quartiere Nomentano, alla periferia di Roma, vivono Anna e Joseph insieme con i due figli, Annamaria e Marco, nati entrambi in Italia. La famiglia risiede nella casa ormai da otto anni e solo grazie all'aiuto da parte dei servizi sociali, che forniscono i pasti ai bambini ogni girono di scuola, e di qualche vicina dal cuore d'oro riescono a vivere un esistenza dignitosa

Nella “casa” la vita non è facile, soprattutto d'inverno quando senza la stufa si gela e nei giorni di pioggia l'acqua penetra facilmente. La realizzazione della costruzione, La casa vista dall'interno  
(Premi per la FOTO Ingrandita) come spiega Anna ,è stata possibile grazie all'aiuto di amici che bevono molto e all'ingegno di Joseph che lavora, quando trova un impiego, nell' edilizia, ma anche in qualunque altro settore

Questa è solo una delle tante storie di povertà che si incontrano nelle zone periferiche della Capitale,infatti come ha affermato l'assessore alle Politiche Sociali di Roma,Raffaelle Milano, "Aumenta il numero dei poveri e il rischio di scivolare nella povertà, arrivano ai nostri servizi persone che un anno fa non avrebbero mai pensato di chiedere assistenza". Oggi Roma è una città dove duemila persone vivono per strada, non sapendo dove altro andare e altre otto/novemila, vivono in auto,baracche,grotte ed anfratti, si tratta di un esercito di disperati al quale nonostante l'impegno dell'associazionismo e del comune di roma non si riesce a far fronte


Mauro Leoni