ERRORE 70
Permission denied D:\home\h555297.winp026.arubabusiness.it\romalocale.it\public\System\Contatori\ContatoreVisite.txt

Comandi

Immagine logo sito
Issue111 del 17/09/2007 Year: 2007 ID: 86 Martedi 13 Novembre 2018, ore 09:01

, Home Page (Sommario) , Manda un email all'autore , Elenco Articoli per Cerca tra gli articoli , Tema:Municipio XII , SkSoggetto:Municipio XII , Tipo Articolo:Articoli Vari ,

a cura di I. G.

La targa nei giardini dell'Eur  
(Premi per la FOTO Ingrandita)

Dalla Sistina al laghetto dell’Eur

Il Sindaco Veltroni ha intitolato i giardini del lago a Carlo Pietrangeli, architetto e storico dell’arte

Id Article:10633 date 5 Marzo 2007

Roma, I giardini del laghetto finalmente hanno un nome di cui andare fieri: in una giornata quasi primaverile infatti il Sindaco Walter Veltroni, insieme alla presidente del Municipio Patrizia Prestipino, all'amministratore delegato di Eur Spa Mauro Miccio e al Soprintendente comunale ai Beni culturali, Eugenio La Rocca, ha intitolato i giardini del laghetto dell'Eur a Carlo Pietrangeli.

Architetto e storico dell'arte, Pietrangeli è scomparso nel 1996, lasciando dietro di sé i suoi scritti, più di 500, e le sue opere. Fu, infatti, una figura di spicco nel mondo dell'arte e del restauro, dedicando gran parte della sua vita allo studio della Roma antica. Sovrintendente dei Beni culturali dal 1972 al 1976, si è occupato anche del Museo Barracco alla Farnesina,del restauro del Museo della Civiltà Romana e dal 1978, incaricato alla sovrintendenza dei Musei Vaticani, diresse i lavori dei restauri della Cappella Sistina.

"Intitolare i giardini tra Viale Africa e Largo Togo a Carlo Pietrangeli è un atto dovuto di riconoscenza e gratitudine – ha commentato Veltroni - ad un uomo che è stato un protagonista della vita culturale della nostra città, riuscendo a coniugare la capacità di salvaguardare il patrimonio e la necessità della sua divulgazione e protezione”.

Non hanno voluto mancare alla cerimonia la moglie novantaseienne Letizia e il più piccolo dei nipoti dello studioso, che porta il suo stesso nome. Un momento di festa e celebrazione per un uomo che ha fatto tanto per la città.

I. G.