ERRORE 70
Permission denied D:\home\h555297.winp026.arubabusiness.it\romalocale.it\public\System\Contatori\ContatoreVisite.txt

Comandi

Immagine logo sito
Issue111 del 17/09/2007 Year: 2007 ID: 86 Domenica 20 Maggio 2018, ore 14:08

, Home Page (Sommario) , Manda un email all'autore , Elenco Articoli per Cerca tra gli articoli , Tema:Comune di Roma , SkSoggetto:Prefettura di Roma , Tipo Articolo:Articoli Vari ,

a cura di I. G.

Prefetto della Capitale Achille Serra  
(Premi per la FOTO Ingrandita)

In Campidoglio i 150 più meritevoli

Il prefetto Achille Serra consegna le Onorificenze al Merito della Repubblica Italiana: “Queste persone un modello per la società”

Id Article:10646 date 13 Marzo 2007

Roma, Una folla eterogenea e colorata ha affollato stamattina la sala Protomoteca del Campidoglio. Persone anziane e neonati, mogli, sorelle e parenti con macchina fotografica e telecamera per immortalare il grande momento: è stata infatti una giornata importante per i 150 cittadini che hanno ricevuto dalle mani del prefetto Achille Serra le Onorificenze al Merito della Repubblica Italiana, conferite il 2 giugno 2006 dal Presidente della Repubblica, su proposta del Presidente del Consiglio dei Ministri.
Le onorificenze - cavaliere, ufficiale, commendatore, grande ufficiale, cavaliere di gran croce - sono conferite per dare una particolare attestazione di riconoscimento a coloro che hanno acquisito benemerenze verso la Nazione nel campo delle scienze, delle lettere, delle arti, dell'economia, ma non solo: meritano il titolo anche coloro che si sono distinti nell'espletamento di cariche pubbliche e di attività sociali e umanitarie, nonché di carriere civili e militari.

“Sono davvero felice e emozionato – ha esordito il Prefetto - nel consegnare queste onorificenze. Sono il risultato di una vita di lavoro, moralmente e professionalmente spesa bene. 150 persone insignite,150 modelli di vita professionale, morale, etica. In una società in cui i valori si stanno perdendo, ci sono persone da cui prendere esempio. Dietro a questo pezzo di carta c'è tantissimo, anche il mio ringraziamento, di cuore, per ciò che avete fatto per questa società, per questo paese, per questa famiglia”.

Alla fine della cerimonia è stato premiato anche Ippolito Piraino, a cui è stata consegnata la medaglia d'argento al valor civile "come esempio di elette virtù civiche e non comune coraggio: un ragazzo alto, timido e incredulo per tanto clamore intorno al suo gesto: tempo fa è riuscito a sventare una rapina in un supermercato dapprima inseguendo il rapinatore, poi iniziando con lui una colluttazione sino all'arrivo delle forze dell'ordine, che hanno recuperato l'intera refurtiva. “Non mi aspettavo certo un premio del genere – commenta - ho agito d'impulso senza di certo pensare di ricevere un premio per questo. Tra l'altro durante la colluttazione ho riportato la frattura alla mano e l'escoriazione dell'altra: il malvivente infatti per cercare di liberarsi, mi ha morso”.


I. G.