ERRORE 70
Permission denied D:\home\h555297.winp026.arubabusiness.it\romalocale.it\public\System\Contatori\ContatoreVisite.txt

Comandi

Immagine logo sito
Issue111 del 17/09/2007 Year: 2007 ID: 86 Giovedi 18 Ottobre 2018, ore 19:02

, Home Page (Sommario) , Manda un email all'autore , Elenco Articoli per Cerca tra gli articoli , Tema:Comune di Roma , SkSoggetto:Comune di Roma , Tipo Articolo:Comunicati ,
,
a cura di Paola Ferraro
Per saperne di piu' su di me...

Email: Premi per inviare un messaggio di posta elettronica , ,



Articoli: 94 Premi per andare all'elenco degli articoli
,




logo relazione annuale 2006  
(Premi per la FOTO Ingrandita)

Servizi pubblici locali, presentato il rapporto 2006

Il rapporto annuale dell'Agenzia per il controllo, presenta una situazione non rosea. Sotto osservazione rete idrica e tasse sui rifiuti

Id Article:10650 date 15 Marzo 2007

Roma, E'stata presentata, mercoledì 14 marzo, in Campidoglio la relazione annuale 2006 dell'Agenzia per il Controllo e la Qualità dei Servizi Pubblici Locali del Comune di Roma. Sotto osservazione lo stato di servizi e relative attività, con analisi e dati su efficacia, efficienza e qualità dei servizi stessi. I settori trattati sono: trasporto pubblico, gestione mobilità, taxi e NCC (noleggio con conducente), igiene e decoro urbano, elettricità, illuminazione pubblica, gas e acqua.

I risultati non sono tutti positivi: raccolta differenziata ancora scarsa; rete idrica da potenziare e metropolitana con livelli insufficienti di comfort (come gia fu evidenziato nel rapporto trimestrale ottobre-dicembre). Migliorano i livelli di sicurezza garantiti da Italgas Roma, superiori agli standard minimi adottati dall'AEEG, gli autobus sono puliti ma non regolari e i taxi sono ancora insufficienti di numero.

Questi sono i risultati emersi, settore per settore:

Igiene e decoro urbano: Raccolta differenziata in crescita, ma si deve fare di più. L'88% dei rifiuti, dice l'Agenzia, finisce ancora in discarica. Minore il divario per i costi della raccolta rifiuti: +17% per l'indifferenziato, +8% per la raccolta differenziata. Inferiori alla media, invece, i costi di trattamento e smaltimento. Le tariffe sui rifiuti, invece, sono in linea con il resto del paese, appena sopra la media.

Distribuzione energia elettrica e illuminazione pubblica: Paghiamo prezzi più bassi rispetto alla media europea per i consumi più bassi. Sono dunque più alte le tariffe per le utenze industriali. Quanto all'illuminazione pubblica, l'indagine si concentra sui tempi di riparazione dei guasti. Le cose vanno meglio, anche se non siamo ancora agli standard previsti. Anche in questo caso, considerevoli miglioramenti sono attesi dal nuovo piano Acea.

Acqua: Acea (tramite la consociata Acea ATO2) fornisce acqua all'87% della popolazione residente. I costi della distribuzione sono più bassi rispetto alla media nazionale. La relazione sottolinea come sia, però necessario concentrare le risorse su investimenti in grado di ridurre le perdite sulla rete, che arrivano al 25% dell'acqua immessa nel sistema di distribuzione.

Distribuzione gas: Sotto questo aspetto ci sono notizie positive e negative. Gli indicatori di sicurezza Italgas sono superiori sia alla media nazionale, sede dell'italgas Roma presso il gazometro  
(Premi per la FOTO Ingrandita) mentre lo stato della rete, definito dal numero di dispersioni, vede Italgas nell'area di Roma in posizione peggiore rispetto alla media nazionale.

Trasporto pubblico: Roma è nella media delle principali città italiane per quanto riguarda il costo di biglietti e abbonamenti mensili. In crescita la domanda di trasporto: circa 6 milioni di spostamenti al giorno. La sicurezza è prossima a livelli ottimali, e anche l'informazione e l'attenzione al cliente si attestano su livelli standard. Promosso dall'agenzia il personale di guida, definito ‘cortese e professionale'.

Taxi e strisce blu: La relazione sottolinea in particolare la questione tariffe, comprese quelle per le corse su prenotazione telefonica. I taxi romani sono tra i più convenienti: in media una corsa costa 7,83 euro. Ancora da migliorare, il rispetto della sosta tariffata nelle strisce blu. Il 58% è in regola, il 10 è costituito da evasori parziali, il 32 da evasori totali. In pratica, circa un automobilista su tre non paga il parcometro. Ugualmente, per le soste irregolari su parcheggi riservati ad invalidi.

L'accessibilità dei servizi pubblici: ovvero l'informazione tramite contact-center e siti web delle aziende: quanto ai primi, migliora la qualità del contatto in termini di gentilezza e accoglienza; stazionaria e adeguata agli standard la "qualità della risposta"; punto critico, i tempi di attesa alla cornetta. Siti web: crescono e migliorano in ogni aspetto, tranne che sul fronte della comunicazione e partecipazione degli utenti. Forte lo sviluppo dei servizi interattivi on line.

Nei giorni scorsi Marco Marsilio, capogruppo di An in consiglio comunale, aveva espresso dei dubbi ‘Mi auguro che la presentazione della relazione annuale dell'Agenzia di controllo per i servizi pubblici locali del Comune di Roma sia anche l'occasione per pubblicare i risultati della ricerca sulla “Customer Satisfaction”, ovvero sul giudizio espresso dai cittadini romani in merito ai servizi pubblici comunali. Si tratta di una indagine che l'agenzia ha effettuato oltre un anno fa e di cui non ha mai reso pubblici i risultati. Ora è decisamente giunto il momento di farlo. Spero che la presentazione di mercoledì sia la volta buona.'



Paola Ferraro