Comandi

Immagine logo sito
Issue114 del 20/10/2018 Year: 2018 ID: 6 Mercoledi 19 Dicembre 2018, ore 03:28

, Home Page (Sommario) , Manda un email all'autore , Elenco Articoli per Cerca tra gli articoli , Tema:Comune di Roma , SkSoggetto:Dal Campidoglio , Tipo Articolo:Articoli Vari ,
,
a cura di Matteo Romani
Per saperne di piu' su di me...

Email: Premi per inviare un messaggio di posta elettronica , ,



Articoli: 42 Premi per andare all'elenco degli articoli
,




Il Maestro sul set  
(Premi per la FOTO Ingrandita)

"Siamo orfani di un grande Maestro"

Veltroni: "Comencini è uno dei più grandi e indimenticabili protagonisti della storia del cinema. Gli siamo debitori"

Id Article:10703 date 7 Aprile 2007

Roma, Anche il sindaco della Capitale Walter Veltroni ha voluto esprimere il suo personale cordoglio per la scomparsa del maestro Luigi Comencini. "Ho appreso con grandissimo dispiacere la notizia della scomparsa di Luigi Comencini -ha dichiarato il primo cittadino- e, anche a nome della città di Roma, stringo in un grande abbraccio la moglie Giulia, le figlie Cristina, Paola, Eleonora e Francesca e tutti coloro, e sono tantissimi, che da oggi si ritrovano orfani di un grande Maestro, di uno tra i più grandi e indimenticabili protagonisti della storia del cinema".

"Abbiamo amato tutto di Luigi Comencini e della sua straordinaria creatività -ha proseguito poi Vetroni- Lo abbiamo amato quando, grazie a lui, abbiamo riso e sorriso di noi, quando abbiamo riflettuto perché il suo sguardo sul nostro Paese è sempre stato attento,anche in quei film dal registro apparentemente più leggero. Ma abbiamo amato, più di ogni altra cosa, il suo sguardo delicato e intenso sul mondo dell'infanzia. Dalla parte dei bambini, sempre. E ne troviamo una splendida testimonianza non solo nel “Pinocchio” televisivo e in “Voltati Eugenio”, ma già nel suo “Bambini in città”, che segna il suo esordio da regista".

"Ci mancherai, Luigi -ha infine concluso il sindaco di Roma- anche se le immagini del tuo lavoro continueranno sempre a ricordarci quanto tutti noi ti siamo debitori. Un debito nei tuoi confronti che mai dimenticheremo di avere".



Matteo Romani