ERRORE 70
Permission denied D:\home\h555297.winp026.arubabusiness.it\romalocale.it\public\System\Contatori\ContatoreVisite.txt

Comandi

Immagine logo sito
Issue111 del 17/09/2007 Year: 2007 ID: 86 Lunedi 23 Luglio 2018, ore 08:02

, Home Page (Sommario) , Manda un email all'autore , Elenco Articoli per Cerca tra gli articoli , Tema:Comune di Roma , SkSoggetto:Dal Campidoglio , Tipo Articolo:Articoli Vari ,
,
a cura di Adriano Stefanelli

Email: Premi per inviare un messaggio di posta elettronica , ,



Articoli: 32 Premi per andare all'elenco degli articoli
,




Mascia Foschi e Adolfo Margiotta in scena al Teatro Parioli  
(Premi per la FOTO Ingrandita)

In scena la ricostruzione della morte di Luigi Tenco

Dal 8 al 20 maggio al Parioli Giorgio Ugozzoli tenta di ricostruire i contorni della morte del cantautore italiano degli anni 60

Id Article:10783 date 6 Maggio 2007

Roma, Uno spettacolo interessante andrà in scena al teatro Parioli di Roma dal 8 al 20 maggio prossimi. Diretto da Gigi Dall'Aglio e ideato da Carlo Lucarelli, questo spettacolo (prodotto da Giorgio Ugozzoli) vuole ricostruire tutte le vicende che hanno contornato la morte del cantautore italiano degli anni 60, Luigi Tenco.

 Facendo un po' di mente locale, nel dicembre del 1965 il cantante fece un viaggio in Argentina per partecipare all'ultima puntata di una telenovela la cui sigla era la sua canzone “Ho capito che ti amo”. Un viaggio quantomeno strano in quanto lo stesso Tenco in quel periodo era sotto le armi perciò impossibilitato di uscire dai confini. Migliaia di persone lo hanno atteso all'aeroporto e portato in trionfo, un successo tanto grande quanto inaspettato, chissà il successo che avrebbe voluto avere in Italia. La sua morte, poco più di un anno dopo (omicidio o suicidio) fece tanto discutere e rimane tuttora oggi un mistero, mentre la sua musica e i sui testi continuano ad attraversare gli anni indenni e più che mai risultano attuali. 

Questi i fatti veri. Al Parioli, invece, va in scena lo spettacolo dal titolo “Tenco a Tempo di Tango” che ha la seguente trama: un ispettore della polizia di Sanremo (Adolfo Margiotta), subito dopo il suicidio di Luigi Tenco durante il Festival di Sanremo del 1967 viene incaricato dal Commissario della Questura di San Remo d'investigare sulle attività che il cantante fece durante un suo viaggio a Buenos Aires nel dicembre del 1965 dove rimase per circa 10 giorni di cui poco si sa. Nelle sue ricerche l'ispettore si imbatte in una locanda (“El Viejo Almacen”) dove tutte le sere una piccola orchestra suona canzoni di Luigi Tenco al ritmo locale cioè il Tango. La cantante del gruppo (Mascia Foschi) sembra conoscere tanti (troppi) particolari della vita e dei lavori del cantautore. Un divertente susseguirsi di sospetti e malintesi animano la storia. 

Addentrandosi nei testi delle canzoni di Tenco e spinto anche dall'influenza della ragazza l'ispettore si allontana piano piano dal filone investigativo e inizia a riflettere sulla sua propria esistenza. Quando poi si trova quasi per gioco a cantare la sigla della serie televisiva “Il Commissario Maigret” (scritta da Tenco): “Un giorno dopo l'altro, Interno del Teatro Parioli di Roma  
(Premi per la FOTO Ingrandita) la vita se ne va, le strade sempre uguali, la stessa vita…..” qualcosa scatta in lui. 

Una storia intrigante e divertente che Carlo Lucarelli racconta con la sua indiscussa bravura dove riesce a trasformare un discusso fatto di cronaca vera in un'occasione per rivisitare la musica e la poesia dello straordinario cantautore italiano. "Tenco a Tempo di Tango” e anche un momento di grande musica dal vivo (Alessandro Nidi al pianoforte e di Massimiliano Pitocco al bandoneon) e la bellissima voce di Mascia Foschi. 

Gli orari dello spettacolo sono dal martedì al sabato alle ore 21,30, mentre la domenica inizio alle ore 18.


Adriano Stefanelli