ERRORE 70
Permission denied D:\home\h555297.winp026.arubabusiness.it\romalocale.it\public\System\Contatori\ContatoreVisite.txt

Comandi

Immagine logo sito
Issue111 del 17/09/2007 Year: 2007 ID: 86 Giovedi 19 Luglio 2018, ore 19:34

, Home Page (Sommario) , Manda un email all'autore , Elenco Articoli per Cerca tra gli articoli , Tema:Provincia di Roma , SkSoggetto:Regione Lazio , Tipo Articolo:Articoli Vari ,
,
a cura di Massimo Pelliccia
Per saperne di piu' su di me...

Email: Premi per inviare un messaggio di posta elettronica , ,



Articoli: 20 Premi per andare all'elenco degli articoli
,




Il logo della campagna “Esci dal nero. Conviene”  
(Premi per la FOTO Ingrandita)

Diminuite le “morti bianche” nel Lazio

La presentazione dei risultati delle attività ispettive sull’emersione del lavoro sommerso

Id Article:10786 date 7 Maggio 2007

Novantacinque morti sul lavoro nella Regione Lazio nel 2006, contro i 116 censiti nell'anno 2005.

Il dato è stato reso noto da Antonio Napolitano, direttore regionale dell'INAIL-Lazio, nel corso della giornata di apertura della campagna contro il lavoro sommerso, promossa dal Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale in collaborazione con le Direzioni Regionali del Lavoro, INPS e INAIL.

“Esci dal nero. Conviene”, questo lo slogan dell'operazione di sensibilizzazione dell'opinione pubblica varata il 26 aprile scorso, allo scopo di favorire una nuova cultura del lavoro legale e trasparente, e a promuovere le attività delle strutture responsabili delle ispezioni e dei controlli.

“Il Lazio è in controtendenza rispetto all'Italia per quanto riguarda il numero di morti sul lavoro” ha spiegato Napolitano, “e questo dato è ancora più significativo per il fatto che, al tempo stesso, le nuove imprese nel Lazio sono aumentate: più di tremila nel 2006”; lavorando insieme alle altre istituzioni,  abbiamo raggiunto questo risultato con la speranza quantomeno di confermarlo per il 2007”.

E sempre Napolitano ha evidenziato come “quest'anno, l'INAIL e la Regione Lazio hanno investito due miliardi di euro nella prevenzione delle morti sul lavoro, riscontrando una maggiore attenzione da parte delle imprese sul tema degli infortuni”.

Ai lavori hanno preso parte anche Raffaele Buonomo, direttore regionale del lavoro, Piero Corasaniti, direttore regionale dell'INPS, e Alessandra Tibaldi, assessore regionale al lavoro, pari opportunità e politiche giovanili.

Nel corso del convegno romano (analoghe iniziative sono state organizzate contemporaneamente in ogni capoluogo di regione), si è svolta infine la conferenza stampa tenuta dal Ministro del Lavoro Cesare Damiano, che ha presentato i dati a livello nazionale, ed i significativi risultati ottenuti.

Le informazioni complete sono sul sito www.escidalnero.it

Massimo Pelliccia