Comandi

Immagine logo sito
Issue115 del 21/10/2018 Year: 2019 ID: 2 Lunedi 19 Agosto 2019, ore 17:18

, Home Page (Sommario) , Manda un email all'autore , Elenco Articoli per Cerca tra gli articoli , Tema:Municipio XII , SkSoggetto:Europa , Tipo Articolo:Cronaca ,
,
a cura di Laura Petringa
Per saperne di piu' su di me...

Email: Premi per inviare un messaggio di posta elettronica , ,



Articoli: 147 Premi per andare all'elenco degli articoli
,




simbolo del Lunapark  
(Premi per la FOTO Ingrandita)

Il Luneur cerca di raggirare il Regolamento

Il Parco dei Divertimenti non considera le regole sulla tutela degli animali del Comune di Roma

Id Article:10819 date 16 Maggio 2007

Roma, "Il Luneur ha cercato anche di raggirare il nostro regolamento di tutela degli animali del Comune di Roma, trincerandosi dietro la motivazione, tra l'altro non esatta, di essere un circo itinerante.
Su questo l'Ufficio Diritti Animali del Comune di Roma farà battaglia, perché Luneur è in pianta stabile e non itinerante. E poi gli animali sono comunque soggetti a sfruttamento".
 

E' quanto denuncia Monica Cirinnà, Delegata del Sindaco ai Diritti degli Animali 

Aggiunge inoltre :
"Si tratta di un maxi-sequestro frutto di violazioni anche in base al regolamento di tutela degli animali del Comune di Roma, secondo il quale l'Ufficio Diritti Animali applicherà le sanzioni specifiche. Il difficile controllo del territorio è più capillare grazie alla collaborazione di associazioni e cittadini,e gli interventi congiunti Polizia Municipale, Corpo Forestale, Guardie zoofile, Enpa e Ufficio Diritti Animali diventano fondamentali per portare a termine simili sequestri eccellenti di animali sfruttati per la spettacolarizzazione".

Il problema di questi luoghi è in primis il mancato controllo, ed in secondo luogo lo sfruttamento che avviene soprattutto nei momenti in cui c'è maggior affluenza e quindi attrattiva, con la speranza che chi di dovere possa non accorgersene.
Il Luneur , da sempre, ha tenuto piccoli animaletti in condizioni precarie, e pochi sono stati gli interventi a favore di questi, anche nei mesi più caldi.
È ora che questo parco divertimenti comprenda la sua natura e tenga conto delle normative vigenti.

Laura Petringa