ERRORE 70
Permission denied D:\home\h555297.winp026.arubabusiness.it\romalocale.it\public\System\Contatori\ContatoreVisite.txt

Comandi

Immagine logo sito
Issue111 del 17/09/2007 Year: 2007 ID: 86 Giovedi 24 Maggio 2018, ore 00:43

, Home Page (Sommario) , Manda un email all'autore , Elenco Articoli per Cerca tra gli articoli , Tema:Comune di Roma , SkSoggetto:Comune di Roma , Tipo Articolo:Articoli Vari ,
,
a cura di Francesco Conti
Per saperne di piu' su di me...

Email: Premi per inviare un messaggio di posta elettronica , ,



Articoli: 41 Premi per andare all'elenco degli articoli
,




Pietro Vertechi, in mezzo, vincitore delle Olimpiadi nazionali di Matematica svoltesi a Cesenatico  
(Premi per la FOTO Ingrandita)

Pietro Vertechi, il “Totti della matematica”

Così il sindaco Veltroni ha scherzosamente ribattezzato il 16enne vincitore delle Olimpiadi nazionali di matematica

Id Article:10820 date 15 Maggio 2007

Roma, E' stato un ragazzo romano, Pietro Vertechi a vincere la 23ma edizione delle Olimpiadi nazionali di matematica.
Pietro, 16enne studente al terzo anno del liceo classico "Dante Alighieri", l'ha spuntata tra 300 ragazzi che sono arrivati alla finale di Cesenatico dopo aver passato delle selezioni in tutta Italia, per un totale di 3 mila partecipanti.
Dietro di lui, sul podio, si sono classificati Andrea Fogari, di Gorizia, e Maria Colombo, di Varese.
Il prossimo obiettivo sono ora le Olimpiadi internazionali, in programma a fine luglio ad Hanoi, in Vietnam.

Per il giovane matematico, che ha brillantemente superato i 6 problemi della finale totalizzando 42 punti, sono arrivati anche i complimenti del sindaco di Roma, Walter Veltroni, che ha voluto congratularsi personalmente col ragazzo facendogli una gradita visita nella sua scuola: "Sono orgoglioso che tu sia romano - ha esordito Veltroni presso il liceo classico Dante Alighieri di Roma - sei il nostro Totti della matematica".

Pietro ha risposto al sindaco ringraziandolo e raccontando le sue sensazioni dopo questa esperienza: "Non era una prova molto difficile - ha spiegato il piccolo matematico - ma sono ugualmente sorpreso per il mio risultato,perchè alle Olimpiadi partecipava tanta gente, di cui molti anche più bravi di me".

Alla domanda del sindaco che incuriosito gli chiedeva come mai avesse scelto il liceo classico anzichè lo scientifico, viste le sue doti in matematica, il ragazzo ha risposto con fermezza lanciando anche una frecciatina: "Allo scientifico - spiega Pietro Vertechi - sono 'macchine di Turing' (modelli di calcolo predefiniti), non mi entusiasma quel tipo di studio, si applicano solo le formule in modo meccanico. All'università - rassicura - studierò di certo matematica".

Francesco Conti