ERRORE 70
Permission denied D:\home\h555297.winp026.arubabusiness.it\romalocale.it\public\System\Contatori\ContatoreVisite.txt

Comandi

Immagine logo sito
Issue111 del 17/09/2007 Year: 2007 ID: 86 Giovedi 19 Luglio 2018, ore 19:32

, Home Page (Sommario) , Manda un email all'autore , Elenco Articoli per Cerca tra gli articoli , Tema:Municipio XII , SkSoggetto:Municipio XII , Tipo Articolo:Articoli Vari ,

a cura di I. G.

Campo nomadi  
(Premi per la FOTO Ingrandita)

Patto per la sicurezza a Roma, il Municipio ne parla

La Presidente Prestipino e il Vice Presidente AN Comune di Roma Rossin si esprimono sul patto firmato dal Sindaco Veltroni.

Id Article:10828 date 21 Maggio 2007

Roma, E' stato stipulato già da qualche giorno, ma ancora se ne parla: è il patto per la sicurezza della Capitale firmato dal Ministro dell'Interno Giuliano Amato, dal Prefetto di Roma Achille Serra, dal Sindaco Walter Veltroni, dal Presidente della Regione Piero Marrazzo e dal Presidente della Provincia di Roma Enrico Gasbarra alla presenza dei vertici di Polizia, Carabinieri e Guardia di Finanza.

L'obiettivo è un maggiore controllo sul territorio grazie all'aumento dei contingenti dei vari reparti delle forze dell'ordine, almeno 200 tra Polizia, Carabinieri e Guardia di Finanza e più risorse economiche, circa 15 milioni di euro. Sono previste inoltre nuove regole per la permanenza e l'integrazione degli immigrati e per la scelta delle aree da destinare ai campi rom. La soluzione indicata dal patto è quella di creare quattro villaggi della “solidarietà” per i nomadi, che saranno realizzati dal Comune entro un anno. “Accoglienza e legalità vanno accoppiati – ha affermato il sindaco Veltroni- non si può scegliere una cosa a discapito dell'altra. La sicurezza è un diritto fondamentale, che non ha colore politico".

Non si sono fatti attendere commenti dal nostro Municipio, con la Presidente Patrizia Prestino che esprime: “soddisfazione per l'impegno del Sindaco in favore della legalità e della sicurezza anche all'interno dei Campi Nomadi e, come amministratore di un territorio sul quale insiste il Campo Rom della Pontina – presente da circa 2 anni e che oggi ospita più di 1000 persone - ho esperienza del tipo di villaggio che si intende attuare. Realtà così grandi, seppur fortemente decentrate, richiedono un presidio H-24 delle Forze dell'Ordine e della Polizia Municipale è un monitoraggio costante su  fenomeni come il consumo e lo spaccio di droghe e altre attività illegali. Un altro punto indispensabile per la gestione di Campi Rom è la costante attenzione alla scolarizzazione, achille serra e walter veltroni  
(Premi per la FOTO Ingrandita) che è l'unica garanzia reale per la futura integrazione degli abitanti nella comunità cittadina. Per questi motivi - ha concluso la Presidente - come Amministrazione di frontiera attendiamo con molta attenzione gli esiti del patto per la sicurezza di Roma stipulato dal Sindaco Veltroni”.

Un commento arriva anche da Dario Rossin, Vice Presidente AN Comune di Roma e Vice Presidente Commissione Sicurezza: “Il tavolo Prefettura, Regione, Provincia e Comune ha dato seguito ad esigenze da noi denunciate da tempo; debbo ringraziare inoltre l'Assessore Touadì e il Presidente De Bosi per aver ascoltato il nostro grande lavoro sempre teso al miglioramento delle condizioni di vivibilità della città, anche se a mio avviso si può fare sempre di più.  I villaggi per la solidarietà mi sembrano il nodo cruciale della faccenda; ferma restando la mia criticità verso un'opera del genere quanto a numeri e normative di riferimento, sono moderatamente soddisfatto per la concessione di 150 fra agenti della polizia, carabinieri e guardia di finanza a disposizione dei villaggi, nonché per la Task Force del Ministero dell'Interno. Ho però chiesto, sempre affinché si faccia di più sulla sicurezza - prosegue - che gli agenti vengano dislocati all'interno dei villaggi, che questi ultimi vengano eventualmente realizzati dopo lo smantellamento degli esistenti ed in seguito ad una localizzazione da parte delle Commissioni Sicurezza e Urbanistica in sede congiunta”.

I. G.