ERRORE 70
Permission denied D:\home\h555297.winp026.arubabusiness.it\romalocale.it\public\System\Contatori\ContatoreVisite.txt

Comandi

Immagine logo sito
Issue111 del 17/09/2007 Year: 2007 ID: 86 Venerdi 21 Settembre 2018, ore 20:43

, Home Page (Sommario) , Manda un email all'autore , Elenco Articoli per Cerca tra gli articoli , Tema:Universita' , SkSoggetto:Roma Tre , Tipo Articolo:Articoli Vari ,
,
a cura di Sara Gullace
Per saperne di piu' su di me...

Email: Premi per inviare un messaggio di posta elettronica , ,



Articoli: 54 Premi per andare all'elenco degli articoli
,




La sede municipale, in via Goito  
(Premi per la FOTO Ingrandita)

Action occupa Roma 3

L’amministrazione chiude “Sportello casa”, occupato l’edificio municipale

Id Article:10852 date 31 Maggio 2007

Roma, Un'occupazione durata quasi 24 ore. Era iniziato ieri pomeriggio e si è concluso oggi all'ora di pranzo il presidio di Action nei locali del Municipio 3. L'istituzione locale, che si propone di gestire le emergenze abitative del territorio romano attraverso lo “Sportello Casa” in ogni area municipale, ha protestato contro il mancato rinnovo del rapporto tra associazione e amministrazione locale avvenuto per mancanza di fondi. L'occupazione notturna dei locali di via Goito è stata portata avanti da una cinquantina di persone che, contemporaneamente, hanno iniziato anche uno sciopero della fame. Ancora stamane, un folto gruppo di persone era radunato per sostenere l'iniziativa attiva di Action che, come tengono a sottolineare, Il logo dell'associazione che combatte le emergenze abitative  
(Premi per la FOTO Ingrandita) non è rivolta “né ai lavoratori né ai cittadini del Municipio 3 ma è contro la decisione di interrompere un servizio reso alla popolazione. Pertanto – continuano – l'intento è bloccare soltanto l'attività politica del municipio e non quella amministrativa per non creare disagio ai cittadini”. Dopo l'incontro tra il Presidente municipale Orlando Corsetti e la delegazione dell'ente, avvenuto in mattinata, l'edificio è stato liberato e la trattativa tra le parti procrastinata a lunedì 4 giugno: la probabile soluzione potrebbe essere quella di affidare il servizio in questione al Network Diritti, rete di cui Action è parte integrante.

Sara Gullace