ERRORE 70
Permission denied D:\home\h555297.winp026.arubabusiness.it\romalocale.it\public\System\Contatori\ContatoreVisite.txt

Comandi

Immagine logo sito
Issue111 del 17/09/2007 Year: 2007 ID: 86 Sabato 22 Settembre 2018, ore 21:53

, Home Page (Sommario) , Manda un email all'autore , Elenco Articoli per Cerca tra gli articoli , Tema:Comune di Roma , SkSoggetto:Comune di Roma , Tipo Articolo:Articoli Vari ,

a cura di I. G.

Il logo del Comune  
(Premi per la FOTO Ingrandita)

Scuola e sport, c'è tanto in.. Comune

Presentato in Campidoglio "Sport in Comune" progetto rivolto agli alunni delle scuole medie di Roma.

Id Article:10889 date 13 Giugno 2007

Roma, 3.000 ragazzi coinvolti, 100 docenti e circa 50 esperti sportivi: sono questi i grandi numeri di "Sport in Comune", iniziativa dedicata agli studenti delle medie per promuovere una corretta educazione sportiva. E' stato il Sindaco in persona a spiegarne i dettagli, insieme all'assessore capitolino alla Scuola Maria Coscia, al delegato del sindaco allo Sport Gianni Rivera, a Bruno Pagnani, della direzione generale dell'Ufficio scolastico regionale per il Lazio e ai rappresentanti di 5 squadre sportive capitoline che, insieme al Comune e alla Regione daranno vita al progetto: 'Lottomatica Virtus Roma Basket', 'M. Roma Volley', 'Almaviva Capitolina Rugby', 'De Sisti Hockey Club Roma', 'Ecofim Pallanuoto Roma', insomma, l'eccellenza sportiva della Capitale.
Grande assente il calcio probabilmente non a caso visto che, come ha spiegato il Sindaco, sono state scelte discipline "nelle quali c'è un elevatissimo senso sportivo, per questo motivo ci teniamo che i nostri ragazzi entrino a contatto con queste società sportive".

Il fine ultimo, si diceva, è educare i ragazzi ad un modo corretto di praticare e vivere lo sport, Walter Veltroni in foto  
(Premi per la FOTO Ingrandita) grazie a valori come la sana competizione, il rispetto dell'avversario, l'importanza di partecipare. "Siamo un paese di tifosi - ha affermato Rivera – vogliamo trasformarlo in un paese di sportivi ed è proprio dalla scuola che bisogna partire. Per riuscire a centrare l'obiettivo bisognerebbe partire dall'educazione fisica nelle scuole; questa materia possa essere considerata al pari di tutte le altre".

Il progetto si articolerà in tre fasi: la prima, in programma 27 e 28 settembre prossimo all'Acqua Acetosa è quella di 'orientamento', dove i ragazzi impareranno i valori dell'etica sportiva; si passerà poi a quella 'dell'aggiornamento e informazione dei docenti', dove esperti del settore svolgeranno seminari per aggiornare i docenti di educazione fisica delle scuole: concluderà l'iniziativa il 'torneo scolastico squadra in comune', una vera e propria mini olimpiade dove gli studenti si sfideranno nelle diverse discipline sportive (minibasket; minivolley; minirugby; minihockey; minipallanuoto).


I. G.