ERRORE 70
Permission denied D:\home\h555297.winp026.arubabusiness.it\romalocale.it\public\System\Contatori\ContatoreVisite.txt

Comandi

Immagine logo sito
Issue111 del 17/09/2007 Year: 2007 ID: 86 Venerdi 21 Settembre 2018, ore 14:51

, Home Page (Sommario) , Manda un email all'autore , Elenco Articoli per Cerca tra gli articoli , Tema:Comune di Roma , SkSoggetto:Comune di Roma , Tipo Articolo:Articoli Vari ,

a cura di I. G.

interno del carcere di Rebibbia  
(Premi per la FOTO Ingrandita)

A Rebibbia si diventa Dottori

Una piattaforma telematica permette ai detenuti di seguire le lezioni universitarie in videoconferenza

Id Article:10892 date 15 Giugno 2007

Roma, Cultura come via verso il recupero sociale di chi è sottoposto ad un regime di detenzione: non si scopre certo oggi quanto lo studio sia una risorsa importante per il futuro di quanti, ora detenuti, aspirano a rifarsi una vita una volta fuori dal carcere.

Da oggi a Rebibbia, si può, in un modo innovativo ed efficace: grazie infatti ad un accordo tra l'Ateneo di Tor Vergata, la Casa Circondariale capitolina, la società Fastweb e Laziodisu, i detenuti potranno, con l'ausilio di una piattaforma telematica, seguire, in tempo reale, le lezioni. Una saletta del carcere sarà adibita ad aula e gli studenti, anche se dietro le sbarre, potranno seguire in sincrono le lezioni, come se fossero in classe. Una volta a settimana poi,un docente che si collegherà in videoconferenza da una saletta dell'Università per rispondere a domande e chiarimenti, come se fosse un vero e proprio “ricevimento”.

L'iniziativa per ora è limitata alle facoltà di Lettere Giurisprudenza e Economia, ma garantisce ad ogni detenuto un percorso di studi molto più coinvolgente e vicino alla realtà. Il costo dell'iniziativa circa 300.000 euro, e prevede anche l'acquisto di libri e altri strumenti utili allo studio.

"Le lezioni sono già operative - sottolinea Carmelo Cantone, direttore del Complesso di Rebibbia - e a luglio si terranno i primi esami". "

I. G.