ERRORE 70
Permission denied D:\home\h555297.winp026.arubabusiness.it\romalocale.it\public\System\Contatori\ContatoreVisite.txt

Comandi

Immagine logo sito
Issue111 del 17/09/2007 Year: 2007 ID: 86 Domenica 18 Novembre 2018, ore 18:25

, Home Page (Sommario) , Manda un email all'autore , Elenco Articoli per Cerca tra gli articoli , Tema:Provincia di Roma , SkSoggetto:Regione Lazio , Tipo Articolo:Articoli Vari ,
,
a cura di Sara Molle
Per saperne di piu' su di me...

Email: Premi per inviare un messaggio di posta elettronica , ,



Articoli: 13 Premi per andare all'elenco degli articoli
,




Il palazzo della Regione a Roma  
(Premi per la FOTO Ingrandita)

Celori (AN): “Regione: meno sprechi più efficienza”

Lo sfogo del consigliere di An sullo spreco di risorse economiche

Id Article:10981 date 18 Luglio 2007

Sono dure le critiche del consigliere regionale di An, Luigi Celori, nei confronti del presidente della Regione Lazio Piero Marrazzo.
Il consigliere considera uno spreco di risorse economiche il fatto che l'ufficio di Presidenza di Regione sia stracolmo di personale.

Celori, infatti, ha dichiarato: «Invitiamo il Presidente Marrazzo, visto che i consiglieri regionali applicano il detto “nessun tacchino è contento quando viene Natale”, ad intervenire per fare in modo che finisca lo scandalo dei 21 gruppi consiliari, delle 17 Commissioni ordinarie, delle 7 Commissioni speciali più comitati vari, del faraonico ufficio di Presidenza del Consiglio regionale con i suoi 103 addetti,auto, telefonini, consulenze e chi più ne ha più ne metta».

La protesta del consigliere va avanti da più di un anno, ma a quanto pare il gruppo politico di Alleanza Nazionale, con il supporto appunto di Celori e del suo collega Erder Mazzocchi, sta preparando «una proposta di modifica del regolamento consiliare che metta fine a questo sconcio».
Per il consigliere regionale l'incarico di modifica del regolamento dovrebbe spettare allo stesso ufficio di presidenza, che però, a detta dell'esponente di An « da mesi fa orecchie da mercanti».


Sara Molle