ERRORE 70
Permission denied D:\home\h555297.winp026.arubabusiness.it\romalocale.it\public\System\Contatori\ContatoreVisite.txt

Comandi

Immagine logo sito
Issue111 del 17/09/2007 Year: 2007 ID: 86 Giovedi 24 Maggio 2018, ore 00:41

, Home Page (Sommario) , Manda un email all'autore , Elenco Articoli per Cerca tra gli articoli , Tema:Comune di Roma , SkSoggetto:Comune di Roma , Tipo Articolo:Articoli Vari ,
,
a cura di Flora Battisti

Email: Premi per inviare un messaggio di posta elettronica , ,



Articoli: 15 Premi per andare all'elenco degli articoli
,




Dispositivi luminosi lungo i marciapiedi dei binari  
(Premi per la FOTO Ingrandita)

Dal 1 agosto luci e suoni contro i ritardi.

Circa 40 dispositivi collocati lungo i marciapiedi dei binari, che 20 secondi prima della partenza del treno, sollecitano i passeggeri last minute, a salire a bordo.

Id Article:11007 date 3 Agosto 2007

Roma, Dal 1 agosto contro i ritardi e in aiuto dei più distratti arrivano i dispositivi acustici e sonori che avviseranno i viaggiatori che il treno sta per partire, sollecitandoli a salire, prima della chiusura delle porte.
 
Si tratta di un nuovo sistema informativo che la Rete Ferroviaria Italiana (RFI), sta adottando in via sperimentale nella stazione di Roma Termini, ma che ben presto sarà installata anche nella stazione di Milano Centrale.

A trarre vantaggio da questo strumento, saranno i passeggeri di un treno in partenza che ancora non hanno preso posto e che saranno avvisati venti secondi prima,da luci bianche lampeggianti ed una suoneria intermittente, posizionate lungo i marciapiedi dei binari.

La RFI, c'informa che “ i dispositivi, circa 40, sono già in funzione lungo i marciapiedi dei binari 25, 26, 27, 28 e 29 le cosiddette “laziali”. La sua funzione è quella di invitare i viaggiatori che arrivano sul marciapiede all'ultimo minuto, a salire sul treno. In questo modo si cerca anche di migliorare gli standard di puntualità in partenza, nelle fasce pendolari e in quelle stazioni dove c'è un grande afflusso di passeggeri”.




Flora Battisti