ERRORE 70
Permission denied D:\home\h555297.winp026.arubabusiness.it\romalocale.it\public\System\Contatori\ContatoreVisite.txt

Comandi

Immagine logo sito
Issue111 del 17/09/2007 Year: 2007 ID: 86 Lunedi 23 Luglio 2018, ore 07:35

, Home Page (Sommario) , Manda un email all'autore , Elenco Articoli per Cerca tra gli articoli , Tema:Comune di Roma , SkSoggetto:Comune di Roma , Tipo Articolo:Articoli Vari ,
,
a cura di Luca Punziano

, ,



Articoli: 15 Premi per andare all'elenco degli articoli
,




Valentina, 20 anni, morta il 2 agosto del 2008 nel tratto tra via Troiani e via Portuense  
(Premi per la FOTO Ingrandita)

Via Portuense, una via troppo a rischio

Ogni mese si calcolano almeno quattro incidenti stradali, pedoni compresi e nessuno escluso: è giunta l'ora di migliorare questa via

Id Article:11042 date 29 Aprile 2010

Roma, E' una via di cruciale importanza per il traffico cittadino: collegata con l'Ospedale Forlanini ( ancora in funzione grazie alla presenza di alcuni reparti come Chirurgia Toracica, Otorinolaringoiatria ed Oculista, ) ed anche in prossimità dell'Ospedale San Camillo, e' causa di troppe vittime per la strada, siano essi scooteristi, guidatori o semplici pedoni. 


Proprio ieri, ci racconta Fabrizio, che fa da anni la professione di distributore di benzina nella via Portuense all'altezza di via Troiani, “ c'è stato un incidente che ha coinvolto un pedone, nonostante stesse attraversando sugli stessi pedoni, da poco rifatti. A mio parere non basta solo la segnaletica orizzontale, ma andrebbe messo qualcosa che possa rallentare meglio il traffico, magari usando proprio dei semafori”. 


L'osservazione di Fabrizio,è giustissima e sacrosanta: ogni mese si verificano 4 incidenti e più di una persona ha perso la vita: che cosa bisogna aspettare per intervenire in modo più fattivo una volta per tutte? 


Nell'angolo tra via Troiani e via Portuense, in una strada stretta e resa ancora più difficoltosa dalla presenza del doppio senso, il 2 agosto del 2008 è morta una ragazza di nome Valentina che del volontariato e dell'aiuto alle persone più in difficoltà, ha fatto il suo credo: aveva solo 20 anni ed affinchè la sua morte non resti inutile, proseguiremo con la nostra inchiesta, intervistando tutte le persone che vivono o lavorano in questa via per poi chiedere al Comune di Roma, un intervento ben preciso: l'instaurazione di uno o più semafori!


Luca Punziano