Comandi

Immagine logo sito
Issue115 del 21/10/2018 Year: 2019 ID: 2 Lunedi 25 Marzo 2019, ore 07:36

, Home Page (Sommario) , Manda un email all'autore , Elenco Articoli per Cerca tra gli articoli , Tema:Cultura , SkSoggetto:Eventi culturali , Tipo Articolo:Articoli Vari ,
,
a cura di Redazione

, ,



Articoli: 97 Premi per andare all'elenco degli articoli
,




La visione dell’omosessualità nel mondo islamico

Un convegno su una tematica scottante e poco conosciuta

Id Article:11052 date 19 Gennaio 2009

Roma, Nella sede del circolo Mieli di Roma si terrà un incontro sulla visione dell'omosessualità da parte del mondo islamico e su come vivono gli omosessuali nei paesi islamici. Il tema, poco trattato e ancor meno conosciuto, verrà affrontato attraverso la visione di un documentario da Brian Whitaker (giornalista del Guardian), Giorgio Gigliotti e Daniele Salaris.
Sono invitati e saranno ospiti esponenti di associazioni arabe musulmane romane.
Grazie all'esperienza di questi osservatori particolari, che hanno avuto modo di conoscere e vivere direttamente quel mondo, potremo accrescere la nostra consapevolezza di una realtà dura, ma anche molto sfaccettata e spesso vista con gli occhi del pregiudizio e dello stereotipo.
Il piccolo spazio di un appartamento racchiude tematiche di scala internazionale in questo intimo documentario. La legge libanese condanna le persone LGBT,rendendole vulnerabili di minacce e attacchi – anche dalla polizia – scoraggiandone ogni denuncia. Con riguardo alla sicurezza degli intervistati è stato affittato un appartamento dove questi potessero parlare liberamente.
Ne emerge uno spaccato della scena queer in Libano, descritta da ragazzi arabi di diverse fedi religiose e background culturali. Dall'infanzia trascorsa in una zona di guerra agli Hezbollah e al rinnovato conflitto con Israele, questioni d'identità, sicurezza e libertà si combinano con tematiche di sessualità e di genere. Nonostante le differenti culture di origine, queste eloquenti individualità condividono la lotta per vivere autenticamente in una cultura che nega la loro esistenza.


Redazione