Comandi

Immagine logo sito
Issue115 del 21/10/2018 Year: 2019 ID: 2 Lunedi 17 Giugno 2019, ore 18:00

, Home Page (Sommario) , Manda un email all'autore , Elenco Articoli per Cerca tra gli articoli , Tema:Comune di Roma , SkSoggetto:Dal Campidoglio , Tipo Articolo:Politica ,
,
a cura di Redazione

, ,



Articoli: 97 Premi per andare all'elenco degli articoli
,




Cade la giunta Marino

Il sindaco fatto fuori dai suoi stessi alleati

Id Article:11089 date 31 Ottobre 2015

Roma, Ignazio Marino non è più sindaco di Roma. Ventisei consiglieri hanno infatti depositato le proprie dimissioni dall'Assemblea capitolina, decretando in questo modo la decadenza di Giunta e Consiglio Comunale. Con i 19 esponenti del Partito Democratico che hanno rimesso il mandato - altri 7 consiglieri - di cui due della maggioranza (Centro democratico e Lista civica Marino) e 5 dell'opposizione hanno fatto cadere l'amministrazione capitolina e il primo cittadino.
Una vera e proprio “vergogna” quello che viene urlato dai sostenitori di Marino ai consiglieri del Pd che escono dal Campidoglio. Una serata ed un epilogo drammatico quello che sancisce la fine della giunta Marino, giunta che avrebbe dovuto portare pulizia e cambiamento e non ha raggiunto neanche metà mandato. Adesso,sarà compito del prefetto Gabrielli nominare subito il commissario, ma in ogni caso il commissario sarà presto operativo.
Così finisce la “resistenza” del chirurgo diventato sindaco dopo l'amministrazione di Gianni Alemanno, il cui mandato era iniziato con il progetto di pedonalizzare i Fori imperiali. Le dimissioni date e poi ritirate sono state solo l'ultimo atto di chi non aveva niente da perdere: il Partito democratico, dopo le trattative degli ultimi giorni, è finalmente riuscito a scrivere la parola fine sull'esperienza di governo che aveva dato per morta ormai diversi giorni prima.

Redazione