Comandi

Immagine logo sito
Issue115 del 21/10/2018 Year: 2019 ID: 2 Domenica 20 Gennaio 2019, ore 00:47

, Home Page (Sommario) , Manda un email all'autore , Elenco Articoli per Cerca tra gli articoli , Tema:Comune di Roma , SkSoggetto:Comune di Roma , Tipo Articolo:Articoli Vari ,
,
a cura di Redazione

, ,



Articoli: 97 Premi per andare all'elenco degli articoli
,




Emergenza rifiuti a Roma

La capitale a rischio paralisi per lo sciopero generale

Id Article:11113 date 27 Ottobre 2017

Roma, Venerdì è scattato lo sciopero generale: dai trasporti ai rifiuti Roma, che hanno gettato la capitale nel caos. A fermarsi, questa volta, saranno gli aderenti a CUB, SGB e SICobas.

Lo sciopero generale nazionale di venerdì 27 ottobre, è stato simile a quello del 16 giugno, dove Roma finì paralizzata. A fermarsi, proprio come 4 mesi fa, sono stati gli aderenti ai sindacati di base CUB, SGB e SICobas. La protesta nasce contro le politiche del Governo, dal Job Act alla buona scuola, dalla legge Fornero fino all'ennesima Legge di Stabilità, fatta a vantaggio degli imprenditori, delle Banche e delle Multinazionali, mascherata dalla coperta sempre più stretta della “beneficenza” e delle “mancette” dei bonus.

A Roma CUB,SGB e SICobas hanno organizzato una manifestazione dalle ore 10,30 presso il Ministero dello Sviluppo Economico in via Molise, 2 (angolo via Veneto). Tra le prime adesioni alla mobilitazione ci sono l'Unione Inquilini, il Movimento per il diritto all'Abitare, l'USI Multiservizi di Roma, i giovani studenti del Fronte della Gioventù Comunista.

Lo sciopero nazionale trova concretizzazione nelle vertenze romane più delicate, da quelle dei trasporti (Atac) ai problemi negli uffici comunali, dalla Multiservizi a società come FormAlba, operante in provincia. Diversi i disagi negli uffici pubblici e nei servizi essenziali come trasporti e nettezza urbana.

Redazione