Comandi

Immagine logo sito
Issue115 del 21/10/2018 Year: 2019 ID: 2 Sabato 23 Marzo 2019, ore 04:29

, Home Page (Sommario) , Manda un email all'autore , Elenco Articoli per Cerca tra gli articoli , Tema:Cultura , SkSoggetto:Eventi culturali , Tipo Articolo:Articoli Vari ,
,
a cura di Ugo Dell'arciprete
Per saperne di piu' su di me...

, ,



Articoli: 34 Premi per andare all'elenco degli articoli
,




Guida Bar d’Italia

L’edizione 2019 del Gambero Rosso

Id Article:11138 date 2 Ottobre 2018

Roma, È ormai giunto al diciassettesimo anno l'attività che Gambero Rosso e Illycaffè svolgono, passando in rassegna i bar d'Italia, per scovare quelli che più si distinguono per qualità dei prodotti, attenzione al cliente, genuinità degli ingredienti.

Accanto alla tazzina consumata velocemente al banco, infatti, si affacciano nuovi modi di fruizione del caffè che tendono a farne, al pari del tè, una bevanda da “meditazione” da assaporare in tutta calma magari in un raffinato ambiente design, coccolati da un barista esperto. È il cliente a scegliere il blend e il tipo di estrazione preferita: la cultura del caffè è in grande crescita, a tutto vantaggio della qualità complessiva.

Il gran fiorire di alambicchi, brocche e filtri ha come diretta conseguenza, infatti, quella di dover prestare sempre più attenzione alla materia prima. Lavorare bene sul caffè comporta automaticamente cercare il meglio anche per l'offerta a “contorno”. Il pubblico che sceglie la pausa slow, è attento a ogni dettaglio, primo fra tutti quello salutistico: ecco allora che nei bar di nuova generazione, al di là di lieviti d'autore a filiera controllata, spuntano golosi pane e marmellata (rigorosamente home made), yogurt, estratti e centrifughe, ciambelloni della “nonna”. E il gioco prosegue nella pausa pranzo con piatti calibrati nell'equilibrio delle componenti e nell'aperitivo con drink e cocktail “sostenibili”. Il futuro del bar 3.0 è decisamente roseo. A patto di partire da un grande caffè.

La giuria instaurata, composta dai giornalisti Francesco De Filippo (direttore ANSA Trieste), Tommaso Galli (Corriere della Sera), Licia Granello (La Repubblica), Tania Mauri (Gazzetta dello sport), Roberto Pavanello (la Stampa) e Fernanda Roggero (gruppo 24Ore) ha scelto,tra i locali tre chicchi e tre tazzine, finalisti bar dell'anno, il vincitore del premio illy Bar dell'Anno che è andato a La Pasqualina di Almenno San Bartolomeo (BG) per la qualità assoluta dei prodotti, per la ricerca senza sconti della salubrità e l'attività didattica e di diffusione della cultura alimentare.

I locali premiati con i tre chicchi e le tre tazzine, tra i quali vi sono stati tre nuovi ingressi (Gilli di Firenze; Bar Zucca di Torino; Spazio Pane e Caffè di Roma) sono suddivisi tra bar finalisti del Premio illy Bar dell'Anno, caffè storici e bar dei grandi alberghi; oltre 100 novità e una nuova insegna (Relais Cuba Chocolat Restaurant Cafè di Cuneo) nella categoria le stelle, i locali che per almeno dieci anni consecutivi hanno conquistato tre tazzine e tre chicchi.

Regione leader la Lombardia (8 locali premiati), seguono Veneto con 7, Piemonte ed Emilia Romagna con 6, Toscana con 4, Sicilia con 3, Liguria, Friuli Venezia Giulia, Lazio, con 2. Un locale sul podio per Abruzzo, Marche, Campania e Puglia.

Il premio - giunto come detto alla diciassettesima edizione - rappresenta la volontà di illycaffè di valorizzare e promuovere la cultura del bar italiano e consiste in un viaggio a New York per assistere alla consegna dell'Ernesto Illy International Coffee Award, il riconoscimento che celebra i quasi tre decenni di collaborazione tra illycaffè e i produttori, per realizzare il sogno di offrire il miglior caffè al mondo. A questo riguardo Andrea Illy ha anche svelato la sua intenzione di dar vita a Milano ad una Accademia del caffè (nome in codice provvisorio “La Summa”), proprio per contribuire a diffondere sempre meglio la cultura del buon caffè.

Ugo Dell'arciprete