Comandi

Immagine logo sito
Issue115 del 21/10/2018 Year: 2019 ID: 2 Venerdi 18 Gennaio 2019, ore 03:29

, Home Page (Sommario) , Manda un email all'autore , Elenco Articoli per Cerca tra gli articoli , Tema:Varie , SkSoggetto:Varie , Tipo Articolo:Articoli Vari ,
,
a cura di Francesco Conti
Per saperne di piu' su di me...

, ,



Articoli: 29 Premi per andare all'elenco degli articoli
,




Nella foto un papà con il figlio
(Premi per la FOTO Ingrandita)

I papà italiani sono i più vecchi

Nel nostro paese si diventa padri ad un'età più avanzata rispetto al resto dei paesi europei.

Id Article:9802 date 10 Novembre 2005

Roma,

Gli uomini italiani decidono di diventare padri sempre più avanti con l'età. E' questo il risultato che emerge da una ricerca condotta dall'Istat sulle caratteristiche della paternità nel nostro paese.

Secondo questi dati infatti, mentre le donne italiane hanno il primo figlio intorno ai 27 anni, gli uomini diventano padri per la prima volta mediamente intorno ai 33 anni; un record negativo pensando che in Spagna, Francia e Finlandia l'età dei neo-padri è inferiore a 31 anni.

Dall'indagine risulta anche come la propensione degli italiani ad avere il primo figlio si riduce dell'80% per gli uomini che si sposano attorno ai 35 anni rispetto a chi lo fa attorno ai 25.

Secondo l' Istat questo dipenderebbe dal fatto che in età matura aumenta il fattore di "iperrazionalizzazione" che porta gli uomini a ponderare di più i carichi di responsabilità derivanti da un figlio. L'età femminile invece incide negativamente solo quando è lei la più grande. Basti pensare che il 40% degli uomini nella fascia 30-40 anni vive ancora nella casa dei genitori,le donne solo il 20%.

Circa la partecipazione domestica paterna, nella maggior parte dei casi, viene considerata "nulla o insoddisfacente" e ciò scoraggia la coppia ad avere un secondo figlio.

 

 



Francesco Conti