Comandi

Immagine logo sito
Issue115 del 21/10/2018 Year: 2019 ID: 2 Sabato 19 Gennaio 2019, ore 22:50

, Home Page (Sommario) , Manda un email all'autore , Elenco Articoli per Cerca tra gli articoli , Tema:Cultura , SkSoggetto:Mostre d'arte , Tipo Articolo:Arte a Roma ,
,
a cura di Cinzia Folcarelli

, ,



Articoli: 50 Premi per andare all'elenco degli articoli
,




Skede: 10 Premi per andare all'elenco delle skede soggetti che ho compilato
Amedeo Modigliani, Leopold Zborowski seduto, 1919, olio su tela, cm 100 x 66, San Paolo, Brasile, Marsp, Museu de Arte de Sao Paulo Assis Chateaubriand
(Premi per la FOTO Ingrandita)

Modigliani

L'artista che dedicò la sua esistenza alla ricerca della bellezza nell'arte

Id Article:9821 date 14 Marzo 2006

Roma,

 

Estremamente raffinate e sensuali, carnalmente e spiritualmente, sono le opere di Amedeo Modigliani, specialmente i ritratti femminili dell'ultimo periodo e gli splendidi nudi che fecero gridare allo scandalo quando furono esposti per la prima volta nel 1917, non senza ragione per la mentalità dell'epoca.

 

 

L'artista è protagonista di una grande mostra allestita a Roma, nell'ala dedicata alle esposizioni di arte contemporanea del Complesso del Vittoriano, dopo quasi cinquanta anni dall'ultima mostra presentata alla Galleria Nazionale d'Arte Moderna, voluta all'epoca dall'impareggiabile direttrice Palma Bucarelli.

L'odierna esposizione, a cura di Rudy Chiappini, Direttore del Museo d'Arte Moderna di Lugano, si avvale di un prestigioso Comitato Scientifico e di prestiti da musei pubblici e collezioni private di tutto il mondo. Sono inoltre presenti tutte le opere di Modigliani conservate in Italia.

 

 

Nato a Livorno nel 1884 da famiglia ebrea, fin da giovanissimo si dedica alla pittura, frequentando lo studio di un allievo di Giovanni Fattori e studiando i grandi maestri del Trecento, del Quattrocento, del Rinascimento e del Manierismo.

Dopo un soggiorno veneziano, nel 1906 parte per Parigi, dove affitta uno studio a Montmartre, per poi stabilirsi definitivamente a Montparnasse, luogo di artisti e intellettuali, dove conosce figure di primissimo piano nell'ambito nell'arte e della cultura,tutte da lui ritratte nel corso degli anni. Le opere di questo periodo risentono in particolare dell'influenza dell'opera di Toulouse Lauttrec e Cézanne.

Successivamente le sue opere fondono vari influssi legati alle principali tendenze artistiche del periodo, cubismo, fauve, pointillisme, arte negra, rimanendo però uniche ed inconfondibili, opere che ritraggono volti dai lunghi colli flessuosi e dallo sguardo assente e distante o al contrario magnetico e intrigante, sempre comunque affascinanti. 

 

 

Bohèmien, dandy, eccentrico e raffinato, dotato di grande fascino, su Modigliani da sempre aleggia la fama di artista maledetto tanto che anche il suo soprannome, Modì, è una curiosa omofonia con maudit, maledetto. Anche se la sua breve vita (è morto nel 1920 a soli trentacinque anni) è stata una meteora nel mondo dell'arte, egli ci ha lasciato in eredità le sue splendide opere, dipinti e sculture, che affascinano e conquistano con la loro raffinata bellezza ed eleganza.

 

 
Modigliani
24 Febbraio - 20 Giugno 2006
Roma, Complesso del Vittoriano, Via di San Pietro in Carcere
ingresso dal Lunedì al Giovedì, ore 9.30 - 19.30, venerdì e sabato 9.30 - 23.30, domenica 9.30 - 20.30
biglietto € 9, ridotto € 7
catalogo Skira
per informazioni tel. 06 6780664


Cinzia Folcarelli