Comandi

Immagine logo sito
Issue115 del 21/10/2018 Year: 2019 ID: 2 Lunedi 25 Marzo 2019, ore 07:39

, Home Page (Sommario) , Manda un email all'autore , Elenco Articoli per Cerca tra gli articoli , Tema:Cultura , SkSoggetto:Mostre d'arte , Tipo Articolo:Arte a Roma ,
,
a cura di Cinzia Folcarelli

, ,



Articoli: 50 Premi per andare all'elenco degli articoli
,




Skede: 10 Premi per andare all'elenco delle skede soggetti che ho compilato
Recipiente antropomorfo raffigurante una donna con le braccia alzate, dall'abitato, Neolitico, cultura di Lengyel (metà del IV millennio a.C.), Altezza mm 222
(Premi per la FOTO Ingrandita)

Slovacchia

Crocevia delle Civilt Europee

Id Article:9905 date 19 Aprile 2006

Roma,
Il Museo Nazionale Preistorico Etnografico “Luigi Pigorini” ospita una interessante esposizione incentrata sul “racconto” della preistoria e della protostoria della Slovacchia, terra di frontiera tra il mondo slavo e quello germanico, recentemente entrata a far parte dell'Unione Europea.
L'ambizione della mostra è di mettere in evidenza il legame tra lo sviluppo del territorio slovacco e quello di importanti centri culturali dell'Europa preistorica.

L'esposizione è alla sua seconda tappa, essendo stata allestita nei mesi scorsi nel Museo Nazionale Archeologico di Firenze, nell'ambito del progetto Incontri della Toscana con la Cultura Europea, realizzato in cooperazione con la Fondazione Ducci.
E' a cura di Václav Furmánek e Rudolf Kujovskỳ dell'Istituto di Archeologia dell'Accademia Slovacca delle Scienze e di Margareta Musilová dell'Istituto Slovacco di Roma, in collaborazione con Gianna Dotti Messori.

Anche se l'esplorazione archeologica in Slovacchia ha una tradizione di più di cento anni, è durante l'ultimo cinquantennio che la ricerca si è intensificata.
Molto rilevanti i siti, risalenti all'Età dl Bronzo, di Spišskỳ Štvrtok, ai piedi delle imponenti montagne di Alte Tatra, definita la Micene slovacca, e la località di Nitriansky Hrádok, chiamata la Troia slovacca.
Il percorso dell'esposizione romana inizia con il Paleolitico per proseguire con il Neolitico, periodo in cui, intorno al VI millennio a.C., si sviluppa la cosiddetta Ceramica Lineare che fa del territorio della Slovacchia un tramite con i gruppi centro – europei. Ruolo che continua con la diffusione della Cultura di Baden (IV millennio), della Ceramica Cordata e del Vaso Campaniforme alla fine dell'Età del Rame. Durante l'Età del Bronzo la Slovacchia si inserisce nelle rotte commerciali legate alla metallurgia in cui riveste un ruolo importante anche nella successiva Età del Ferro. Successivamente nel territorio si stanziarono i Celti. Recipienti e statuette fittili, vasi in metallo, gioielli … ricco e variegato è il corpus dei reperti esposto in mostra. Risalente al periodo Paleolitico (2.000.000 – 8.000 a.C.) è la Venere di Moravany,statuetta femminile ricavata da una zanna di Mammut, risalente al 22.800 a.C. Importanti reperti del periodo Neolitico (5.500 – 2.900 a.C.) sono il recipiente antropomorfo raffigurante una donna con le braccia alzate e il vasetto doppio a forma di piccolo toro e vari recipienti decorati con ornamenti astratti incisi. All'Eneolitico (2.900 – 2.300 a.C.) risalgono le urne antropomorfe usate nel rito della sepoltura.
Dell'Età del Bronzo (2.300 – 750 a.C.) sono tutta una serie di oggetti ornamentali e di gioielli ritrovati ed esposti in mostra e preziosi vasi di diversa foggia. Infine appartiene all'Età del Ferro Antico (750 – 450 a.C.) una bella anfora in terracotta proveniente da un tumulo principesco.

L'esposizione è anche un'occasione per visitare il Museo Nazionale Preistorico Etnografico “Luigi Pigorini” e le sue collezioni permanenti dedicate alla preistoria e alla protostoria e alle culture indigene extraeuropee. Nell'atrio del Museo è subito possibile ammirare la piroga monossile proveniente dal sito La Marmotta, villaggio neolitico ritrovato sul fondale del Lago di Bracciano, che viene esposta dopo un lungo e difficile lavoro di scavo e conservazione.
Al primo piano si trovano le sale dedicate all'Arica, all'Oceania e alle Americhe, mentre il secondo piano ospita la sezione preistorica, divisa a sua volta in diverse aree tematiche, tra cui Quando, come, perché. I metodi per lo studio del passato, Homo. La storia naturale, Cacciatori e raccoglitori, I primi agricoltori e Dal villaggio alla città.    
 
Il Museo allestisce inoltre numerose mostre a tema di cui quella sulla Slovacchia è un bell'esempio.



Slovacchia. Crocevia delle civiltà europee. La preistoria
Durata della mostra: 24 Marzo - 24 Giugno 2006
Sede: Roma, Museo Nazionale Preistorico Etnografico "Luigi Pigorini", Piazzale G. Marconi n. 14
Orario: martedì - domenica, ore 9.00 - 20.00; lunedì chiuso
Per informazioni: tel. 06 549521


Cinzia Folcarelli