ERRORE 70
Permission denied D:\home\h555297.winp026.arubabusiness.it\romalocale.it\public\System\Contatori\ContatoreVisite.txt

Comandi

Immagine logo sito
Issue111 del 17/09/2007 Year: 2007 ID: 86 Giovedi 15 Novembre 2018, ore 20:55

, Home Page (Sommario) , Manda un email all'autore , Elenco Articoli per Cerca tra gli articoli , Tema:Universita' , SkSoggetto:Roma Tre , Tipo Articolo:Articoli Vari ,
,
a cura di Lorenzo D'albergo
Per saperne di piu' su di me...

, ,



Articoli: 100 Premi per andare all'elenco degli articoli
,




Skede: 1 Premi per andare all'elenco delle skede soggetti che ho compilato
Nell'immagine: Il logo di Roma3  
(Premi per la FOTO Ingrandita)

Bye Bye Bombay

Inaugurata il 3 maggio la mostra fotografica nellambito della manifestazione Roma Tre by Night

Id Article:9932 date 7 Maggio 2006

Roma, Chi volesse vedere la vera India può visitare fino al 12 maggio la mostra fotografica “Bye Bye Bombay” che è stata allestita all'interno della Facoltà di Lettere e Filosofia, sita in via Ostiense, 234. La mostra, realizzata da Valentina Battelli e Federico Spano, ci fa vivere, in sintesi, un tragitto che si snoda per gli stati del Maharashtra, Karnataka, kerala, Tamil Nadu e Goa. In fuga dalla caotica Bombay che, a differenza degli scatti presenti in mostra, potrebbe tranquillamente essere paragonata ad una delle nostre metropoli occidentali. L'unica differenza? La disperata e disperante povertà che la pervade. Appunto, “Bye Bye Bombay”! Le foto portano all'attenzione dello spettatore ciò che di solito si da per scontato, ma in realtà non è: i sorrisi e gli sguardi di volti “non globalizzati”. Volti di luoghi sconosciuti a noi occidentali,abituati a pensare all'India come uno stato completamente occidentalizzato. Ed invece i due fotografi ci portano un'India nuova, non globalizzata, un'India non turistica, un'India che non è quella da cartolina. 

L'intento dei due fotografi è chiaro. Bisogna capire che, pur restando nell'ottica della globalizzazione, il rispetto delle culture “altre” è fondamentale sia per arricchire il nostro bagaglio di esperienze, sia per salvaguardare le culture non ancora occidentalizzatesi. Il consiglio è quello di scorrere con lo sguardo tra le foto per rivivere questo fantastico ed interessante viaggio.

Lorenzo D'albergo